"Campanelli per Novara", la manifestazione per chiedere una città a misura di ciclisti

Manifestazione davanti al Comune per chiedere più piste ciclabili e più attenzione a chi usa la bici

Arriva "Campanelli per Novara", manifestazione promossa da 11 associazioni novaresi in occasione della Giornata mondiale della bicicletta, il 3 giugno.

"Lo scopo della manifestazione - spiegano gli organizzatori - è far sentire la voce, anzi i campanelli, dei tanti cittadini che in questa fase d'uscita dall'emergenza COVID hanno scelto di spostarsi in città in bicicletta. Le Associazioni insieme ai cittadini chiedono all'Amministrazione di non continuare ad essere sorda e immobile nonostante le tante richieste di cambiamento per una città più sostenibile e a misura d'uomo.  Proprio in questi giorni i Novaresi che stanno acquistando nuove bici e si spostano con esse sono aumentati esponenzialmente, i negozi della città hanno lunghe liste d'attesa per la consegna, vendono moltissime bici al giorno e nei supermercati le due ruote stanno andando a ruba. Pensiamo che, come stanno facendo tante città, bisogna intervenire subito attraverso provvedimenti urgenti attuabili a costi limitati e in brevissimo tempo senza dover aspettare la redazione del PUMS.  Un'occasione che Novara non deve perdere per aumentare la propria qualità della vita nonchè la sicurezza dei propri cittadini. 

"Il 3 Giugno alle ore 18 invitiamo quindi i Novaresi ad unirsi alla causa e ritrovarsi sotto il Comune, in piazza Matteotti, dove mantenendo le distanze di sicurezza e con le mascherine, faremo sentire forte i nostri campanelli affinché il Sindaco e l'Amministrazione diano risposte ai cittadini e non si rifugino in un esasperato immobilismo su un tema così importante. 

In quest'occasione le Associazioni consegneranno le tantissime firme raccolte per richiedere un intervento immediato che preveda:

- la riduzione delle velocità dei veicoli nelle strade principali per consentire più sicurezza dei transiti in auto, in bici e a piedi

- l’estensione dei 30 km/h nelle strade di quartiere e dei 20 km/h nelle strade scolastiche

- la realizzazione di una rete ciclabile di pronto utilizzo prevalentemente con segnaletica orizzontale e verticale, anche con l’applicazione delle recenti modifiche al CdS (corsie ciclabili e case avanzate per ciclisti ai semafori) al fine di collegare tutte le periferie con un sistema di ciclabilità integrato. 

- l’ampliamento degli spazi pedonali della rete stradale

- la promozione dell’uso della bicicletta nei tragitti casa-lavoro e nello shopping quotidiano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: il cambio di colore sarà sabato o domenica?

  • Coronavirus, il Piemonte rischia la zona arancione

  • Incidente a Trecate, camion perde il carico e travolge tre auto: un ferito incastrato nell'abitacolo

  • Coronavirus, cosa è consentito fare in zona arancione: le regole per Novara e il Piemonte

  • Coronavirus, nuovo decreto: niente spostamenti tra regioni, il Piemonte verso l'area arancione

  • Dpcm: le nuove regole per asporto, spostamenti, sci e scuole. Piemonte verso la zona arancione

Torna su
NovaraToday è in caricamento