Turismo, firmato l'accordo per la ciclovia del Canale Cavour

Il progetto prevede la riqualificazione ciclabile del canale da Chivasso a Galliate

Canale Cavour - foto di Irene Cabiati

E' stato firmato nei giorni scorsi l’accordo di programma per la realizzazione della ciclovia ECanale Cavour", sottoscritto in Regione, presso l’assessorato alla Cultura e Turismo, rendendo ufficiale quanto deliberato a suo tempo dalla Giunta regionale.

Il documento è stato siglato tra Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino e Province di Vercelli e Novara. A firmare sono stati anche i rappresentanti dell’Ente Parco del Po e della Collina Torinese, dell’Ente Parco del Ticino e del Lago Maggiore, dell’associazione di Irrigazione Ovest Sesia e dell’associazione Irrigazione Est Sesia e della Coutenza Canali Cavour.

"Il nostro impegno - ha commentato l'assessore regionale al Turismo Antonella Parigi - è stato quello di portare a termine il progetto. Questo atto non è solamente formale, ma sancisce l’impegno di tutti gli enti coinvolti, in primis della Regione, a sostegno di questo progetto strategico per il nostro territorio e per lo sviluppo del cicloturismo. La firma del protocollo pone inoltre le basi per una collaborazione efficace e operativa. Siamo già al lavoro per realizzare le fasi successive del progetto, e una volta conclusa la progettazione definitiva a cura della Città Metropolitana di Torino, passeremo alla valutazione del tratto della ciclostrada che verrà realizzato. Dopo il cicloturismo ci occuperemo di cammini, nella stessa zona, da sviluppare insieme a strutture turistiche di qualità”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’assessore ha inoltre aggiunto che la Regione sta esplorando la possibilità di sottoporre alla valutazione Unesco una parte del mondo del riso piemontese proprio per i suoi valori antropologici e culturali.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Violento scontro fra auto e motocicletta: morto un centauro novarese

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: dal 10 luglio niente più distanziamento su treni e bus

  • Incidente in tangenziale a Novara: motociclista finisce contro il guard rail

  • Cosa fare in città: gli eventi del fine settimana del 4 e 5 luglio

  • Stresa, si masturba davanti ai passanti: 26enne denunciato dai carabinieri

Torna su
NovaraToday è in caricamento