Torna il Giretto d'Italia: anche a Novara il campionato di ciclabilità urbana di Legambiente

Ciclisti urbani, aziende e scuole si sfidano in 25 città italiane: per due ore verranno monitorati i passaggi di coloro che avranno scelto la bicicletta per recarsi al lavoro o a scuola

Foto di repertorio

A settembre si rinnova nei centri urbani la sfida a pedali del Giretto d’Italia, il campionato nazionale della ciclabilità urbana organizzato da Legambiente con il sostegno di Cnh Industrial insieme a Euromobility, Associazione Italiana Mobility Manager e VeloLove in collaborazione con le amministrazioni comunali aderenti.

L’obiettivo è di stimolare e incentivare anche nel nostro Paese la diffusione e l’uso quotidiano della bici, del Bike to Work e Bike to School. Chi riuscirà a convincere più persone ad andare al lavoro e/o a scuola in bicicletta si aggiudicherà la maglia rosa della mobilità nuova. Una sfida quella del Giretto d’Italia che, come di consueto, viene lanciata nell’ambito della settimana europea della mobilità dedicata quest’anno alla bici e al camminare e che vedrà giovedì 19 settembre ben 25 città italiane contendersi il titolo di centro urbano più bike friendly.

Tra queste, c'è anche Novara: per due ore a scelta - nella fascia oraria compresa tra le 6 e le 10 - verranno monitorati i passaggi di coloro che avranno scelto la bicicletta per recarsi al lavoro o a scuola. Il conteggio avverrà tramite checkpoint allestiti in zone appositamente scelte dagli organizzatori e nelle immediate vicinanze delle aziende pubbliche e private e delle scuole che hanno aderito all’iniziativa. A vincere saranno i comuni che segnaleranno il maggior numero di ciclisti.

"Il Giretto d’Italia . spiegano da Legambiente - vuole dimostrare che la bicicletta oggi è una reale alternativa al traffico e allo smog nelle città, e come tale deve essere considerato al pari degli altri mezzi di trasporto. Per questo la nostra campagna si propone di rendere visibile anche il traffico ciclistico delle città italiane che normalmente non è misurato nelle indagini statistiche sullo stato della mobilità, fornendo quei dati sugli spostamenti in bicicletta da casa al lavoro, ovviamente simbolici, che però spesso mancano e invece sarebbero utili in sede di programmazione e pianificazione della mobilità urbana".

"Promuovere la mobilità ciclabile per gli spostamenti quotidiani, ma anche per turismo - dichiara Fabio Dovana, presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta - vuol dire puntare su una modalità di spostamento più sana e più sostenibile e sul ripensare le città e le strade in particolare a sfavore delle auto e in favore delle persone che le percorrono a piedi e in bicicletta. Ma rappresenta anche un importante sviluppo dell’economia legato alle due ruote. Ciclisti, pedoni e trasporto pubblico crescono, però, solo se andare in auto diventa l’opzione meno concorrenziale e dove c’è garanzia di sicurezza per la cosiddetta utenza vulnerabile. Per raggiungere questo obiettivo è fondamentale agire sugli spazi urbani pianificando un nuovo tipo di mobilità che metta al centro le esigenze di spostamento della persona e non del veicolo e la conseguente riappropriazione dello spazio pubblico da parte dei cittadini. Tutto questo per uscire dalle croniche emergenze smog che si verificano anno dopo anno nel nostro Paese e costruire così concretamente una mobilità a emissioni zero".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo i dati elaborati da un recente rapporto realizzato da Isnart-Unioncamere e Legambiente è di circa 12 miliardi di euro il valore attuale del Pib (Prodotto Interno Bici), ovvero il giro d’affari generato dagli spostamenti a pedali in Italia, calcolando la produzione di bici e accessori, delle ciclo-vacanze e dell’insieme delle esternalità positive generate dai cittadini in bicicletta. I soli ciclisti urbani che usano ogni giorno la bicicletta sui percorsi casa-lavoro, o altro, sono ormai oltre 700mila.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Coronavirus: in Piemonte mascherine obbligatorie anche all'aperto per il ponte del 2 giugno

  • Le spiagge più belle del Lago D'orta

  • Coronavirus, dal 3 giugno niente più mascherina obbligatoria all'aperto in Piemonte

  • Tragedia a Romagnano Sesia, 22enne annegato nel Sesia

  • Domodossola: addio alla pianista Alice Severi, ex bambina prodigio della musica

Torna su
NovaraToday è in caricamento