rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
mobilità

Una città più sana e libera dalle auto: il sogno della Giunta Ballarè

Elaborato il Piano del traffico e della sosta, ribattezzato dall'amministrazione "Progetto di mobilità sostenibile". L'obiettivo è restituire Novara ai novaresi. Riforma della sosta e aumento della Ztl e delle aree pedonali

Restituire la città ai novaresi.

E' questo l'obiettivo del nuovo Piano di gestione del traffico e della sosta, messo a punto dall'amministrazione Ballarè e ribattezzato "Progetto di mobilità sostenibile". Un piano che ha tre cardini principali: la mobilità, la sosta in generale, e i nuovi parcheggi in particolare.

"E' un'occasione importante per la nostra città - ha spiegato il sindaco Andrea Ballarè -. Una proposta che vogliamo condividere con tutti i cittadini, per migliorarla insieme. Il nostro obiettivo è quello di restituire ai novaresi una città più moderna, a misura di persona, più sana e più libera dalle auto".

Il progetto dell'amministrazione sarà quindi discusso insieme ai novaresi per tutto il mese di febbraio, poi a marzo sarà portato a termine il percorso amministrativo, con il passaggio del piano in Consiglio comunale. Seguirà poi il bando di gara, e se tutto va come deve andare l'intervento potrebbe concludersi entro fine anno.

Tra gli interventi principali contenuti nel progetto del Comune ci sono: il recupero della Ztl nella zona delle banche e nella zona del tribunale, la tranquillizzazione dell'area centrale, che dovrà avere uno sviluppo a priorità pedonale, e la pedonalizzazione di piazza Martiri (senza l'eliminazione del traffico veicolare, ma solo dei parcheggi).

Per quanto riguarda la sosta, invece, verranno ridotte, nel centro storico, le aree di sosta dedicate ai residenti, che potranno però posteggiare gratuitamente nei parcheggi a pagamento. Il piano prevede poi l'allargamento della zona a pagamento, ma una riduzione della tariffa oraria: la nuova tariffazione prevede tre diversi scaglioni, 1,50 all'ora (1,20 euro la prima ora e nel pomeriggio) nell'area centrale, 1,20 euro all'ora nella zona semicentrale (1 euro la prima ora e nel pomeriggio) e 0,50 euro nelle aree più esterne. Non solo, saranno infine realizzati nuovi posti auto, alcuni dei quali andranno a sostituire quelli attuali in piazza Martiri ( 80 posti nell'area della Curia adiacente a piazza Puccini, 25 tra via Solaroli e largo Bellini, 18 in Baluardo Quintino Sella e una decina in viale Turati e aree limitrofe). Le nuove aree di sosta troveranno spazio nell'area Ex Rotondi (240 posti), nell'area Ex Ferrovie Nord (100 posti), nel Fast park di via Marconi (100 nuovi posti), in largo Pastore (+ 80 posti), nell'area Metropark di via Manzoni (+35-40 posti) e nel nuovo parcheggio della Caserma Passalacqua (240 posti a bassa tariffazione). Il nuovo sistema di gestione della sosta prevede anche la realizzazione di parcometri interconnessi in rete per pagamenti prolungati con digitalizzazione della targa, a consumo e multifunzione, parcheggi a sbarre e pagamenti informatizzati.

Tra gli obiettivi del Piano del traffico e della sosta, anche il potenziamento del trasporto pubblico, con il reinserimento delle navette e il rafforzamento delle linee 1 e 4, che collegheranno il centro città con i parcheggi di interscambio. Le maggiori entrate previste dal nuovo sistema di gestione della sosta serviranno all'amministrazione proprio per migliorare e sistemare le strade, per potenziare il servizio di trasporto pubblico e per l'ampliamento della rete di piste ciclabili cittadina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una città più sana e libera dalle auto: il sogno della Giunta Ballarè

NovaraToday è in caricamento