rotate-mobile
Martedì, 6 Dicembre 2022
Green Orta San Giulio

Sul Lago d'Orta nasce l'Osservatorio Cusio: comprendere e mitigare gli effetti della crisi climatica

Il progetto sperimentale di Legambiente e Gruppo Unipol. Di cosa si tratta

Da specchio d’acqua privo di vita a lago-laboratorio dove sviluppare capacità di adattamento alla crisi climatica: il Lago d’Orta diventa oggetto di studio e monitoraggio dell’Osservatorio Cusio, presentato nei giorni scorsi da Legambiente e Gruppo Unipol nell’ambito della campagna "Bellezza Italia - Tuteliamo insieme le meraviglie del Paese".

Obiettivo del progetto sperimentale è attivare una maggiore collaborazione e condivisione delle risorse con le altre organizzazioni e agenzie che gestiscono i sistemi lacustri, nel territorio del più occidentale tra i grandi laghi prealpini. Un contesto territoriale peculiarissimo per storia e morfologia che comprende le province di Novara e Verbania.

Noto per lungo tempo come uno dei laghi più acidificati al mondo; quindi, al centro di un intervento di risanamento di rilevanza internazionale, oggi il Lago d’Orta (Cusio) è tra le più apprezzate mete turistiche piemontesi e il suo territorio è caratterizzato da otto aree protette, otto comuni rivieraschi e 26 centri disseminati nell'area cusiana, tra fascia montana, prealpina e collinare intorno al lago. Obiettivo dell’Osservatorio è quello di "utilizzare" l'area del lago come luogo di ricerca, dove trovare soluzioni scientifiche innovative e attuare pratiche di sostenibilità ambientale all’avanguardia. I risultati del progetto saranno messi a disposizione della comunità locale e dei policy maker per avviare azioni tese a ridurre l’inquinamento atmosferico, a tutelare la qualità delle acque e del loro habitat. 

"Gli ecosistemi lacustri sono un patrimonio ambientale inestimabile per il nostro Paese - ha dichiarato Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente - soprattutto oggi. Influenzati dalle attività dell’uomo per migliaia di anni, continuano però a subire gli effetti di pressione antropica e crisi climatica, tra dispersione di sostanze inquinanti, elevata presenza di microplastiche, aumento delle temperature e siccità. La storia ambientale del Lago d’Orta, dalla sua contaminazione al progetto innovativo di recupero, è nota a livello scientifico internazionale. Insieme al Gruppo Unipol, abbiamo scelto di avviare qui il nostro Osservatorio per coordinare e supportare il monitoraggio del bacino e del suo territorio, con l’obiettivo di ridurre al minimo ulteriori impatti socio-ambientali del cambiamento e di portare benefici concreti alle comunità del Cusio, convinti che la tutela del lago, in questo territorio, sia sinonimo di migliore qualità della vita".
 
"Da diversi anni il Lago d’Orta è al centro delle nostre attività di monitoraggio ambientale dei bacini lacustri piemontesi. A partire dalle analisi microbiologiche - ha spiegato Alice De Marco, direttrice di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta - abbiamo di anno in anno allargato il campo d’azione: grazie ad una progettazione partecipata, dal 2018 effettuiamo le analisi delle microplastiche e nel 2021 abbiamo sottoscritto il Contratto di Lago per il Cusio. L’Osservatorio Cusio rappresenta un altro fondamentale tassello per la tutela e valorizzazione del Lago d’Orta, in grado di approfondire la serie storica di dati già in nostro possesso, preziosa per attuare una pianificazione di strategie di mitigazione e di adattamento alla crisi climatica". 

Lago d'Orta, dal recupero al laboratorio scientifico

Il Lago d’Orta è conosciuto nella comunità scientifica per essere stato oggetto di un progetto di recupero tra i più importanti a livello internazionale, a seguito di una lunga contaminazione che lo ha reso uno dei bacini lacustri più acidi del mondo. L’apertura negli anni ’20 del secolo scorso di uno stabilimento per la produzione di seta artificiale - il Raion - sulla riva meridionale del lago e il successivo insediamento di numerose industrie elettrogalvaniche nell’area hanno determinato un progressivo inquinamento da metalli pesanti del bacino, a causa di scarichi che presentavano rame, cromo, nichel e zinco. Nel 1987 l'istituto idrobiologico di Verbania (ora Cnr-Irsa), insieme alla provincia di Novara e ad altri enti, realizzò un intervento diretto di risanamento attraverso il "liming" del lago, vale a dire una neutralizzazione delle sue acque mediante l'aggiunta di carbonati. I risultati di questa azione portarono a ripristinare i valori precedenti al primo massiccio inquinamento: un progetto che ancora oggi, per la dimensione della bonifica, è considerato punto di riferimento e caso di studio a livello mondiale.

Le azioni scientifiche sono proseguite nel tempo con altri importanti progetti di ricerca, mentre nel novembre 2021 oltre 130 soggetti tra istituzioni, enti e altri stakeholder hanno sottoscritto il Contratto di Lago per il Cusio, risultato di un percorso avviato nel 2018 e coordinato dall’Ecomuseo del Cusio, che ha visto il circolo locale di Legambiente collaborare in prima linea con il polo museale così come con gli uffici regionali e provinciali, e altre organizzazioni e agenzie di gestione dei sistemi lacustri nel completamento di tutti i processi necessari. Un documento che pone certamente le basi per una importante rete di relazione e di scambio locale, ma che necessita di uno strumento operativo per la raccolta e lo scambio di dati scientifici multilivello (ambientale, economico e sociale), da utilizzare nella pianificazione del territorio in risposta ai cambiamenti climatici. In questo solco si inserisce l’Osservatorio che Legambiente e Gruppo Unipol hanno scelto di avviare, per coordinare un monitoraggio costante dell’ecosistema lacustre che caratterizza il territorio del Cusio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sul Lago d'Orta nasce l'Osservatorio Cusio: comprendere e mitigare gli effetti della crisi climatica

NovaraToday è in caricamento