rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Documenti

Matrimonio: tutti i documenti necessari alla pubblicazione

La pubblicazione di matrimonio deve essere richiesta all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune dove uno degli sposi ha la residenza. Ecco tutte le informazioni utili

La pubblicazione di matrimonio deve essere richiesta all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune dove uno degli sposi ha la residenza.

Le pubblicazioni sono obbligatorie e hanno lo scopo di verificare  che i futuri sposi siano nelle condizioni previste dalla legge per contrarre matrimonio: devono essere di stato libero, capaci di intendere e volere e non devono avere legami di parentela o affinità.

L'atto di pubblicazione viene pubblicato nell'Albo Pretorio informatizzato (www.comune.novara.it) per otto giorni. Il matrimonio può essere celebrato a partire dal quarto giorno dalla compiuta pubblicazione ed entro i successivi 180 giorni.

Quali sono i documenti necessari alla pubblicazione?
I futuri sposi devono portare con sè, all'atto della richiesta di pubblicazione, la carta d'identità dei due, e in caso di matrimonio concordatario esibire la richiesta di pubblicazione alla Casa Comunale in carta libera, rilasciata dal parroco o dal ministro di culto acattolico amesso nello stato.

Per i minorenni (16 anni compiuti), invece, è inoltre necessaria una copia autentica del decreto di ammissione al matrimonio emesso dal Tribunale per i Minorenni, in bollo. Per coloro che sono legati da vincoli di parentela, affinità o dal divieto temporaneo di nuove nozze è indispensabile esibire il decreto di autorizzazione di matrimonio.

E per i cittadini stranieri?
I futuri sposi non italiani sono tenuti a presentare i seguenti documenti: passaporto; nulla osta al matrimonio dal quale risulti che, secondo le leggi del proprio Stato, l'interessato può contarre matrimonio; atto di nascita, da esibire qualora nel nulla osta al matrimonio non siano indicate la data di nascita e/o le generalità dei genitori.

Questi documenti devono essere rilasciati dalla competente Autorità straniera, redatti in lingua italiana (o con allegata traduzione - in bollo) e legalizzati (sono fatte salve le esenzioni dall'obbligo della legalizzazione stabilite da leggi o da accordi internazionali).

Come si fa?
Munito della carta d'identità di entrambi, uno dei futuri coniugi o un suo familiare, deve recarsi allo sportello 9 (Stato Civile) in Municipio, oppure spedire una e-mail all'indirizzo di posta elettronica statocivile@cert.comune.novara.it (allegando la scansione delle carte d'identità), comunicando il periodo in cui verrà celebrato il matrimonio, ed eventualmente se uno dei due sposi è già stato coniugato.

In caso di matrimoni da celebrarsi davanti al parroco (cosiddetto matrimonio concordatario) va consegnata anche la "Richiesta di pubblicazioni da farsi alla Casa Comunale" sottoscritta dal Parroco della parrocchia di residenza a Novara.

L'Ufficio di Stato Civile provvederà a richiedere le certificazioni utili ad effettuare le verifiche previste dalla legge. Una decina di giorni dopo la consegna o l'invio dei documenti d'identità bisogna contattare telefonicamente l'ufficio, che, se sarà in possesso di tutta la documentazione, potrà concordare con i futuri sposi la data per la firma del verbale di pubblicazione.

Dopo la sottoscrizione del verbale si provvederà all'affissione della pubblicazione sul sito web del Comune di Novara (www.comune.novara.it/comune/alboPretorio/alboPretorio.php) per gli 8 giorni previsti dalla legge: il quarto giornosuccessivo all'ultimo di pubblicazione verrà rilasciato il certificato attestante che non esistono impedimenti al progettato matrimonio.

Gli appuntamenti per le pubblicazioni vengono fissati al mattino dal lunedì al venerdì (il sabato è dedicato alla celebrazioni dei matrmoni civili). I matrimoni civili vengono celebrati dal lunedì al sabato mattina.

La pubblicazione va eseguita nel Comune di residenza: nel caso in cui gli sposi abbiano residenze diverse, l'Ufficiale di Stato Civile, dopo la sottoscrizione dell'atto, provvede alla trasmissione, a mezzo fax, della richiesta di pubblicazioni anche nell'altro Comune, previo versamento dell'imposta di bollo.

Qualora i futuri sposi non intendano contrarre matrimonio religioso, l'Ufficiale di Stato Civile consegna ai due un modulo prestampato, dove verranno indicati il luogo, il giorno e l'ora della celebrazione del matrimonio civile. Quindi provvede all'affissione della pubblicazione di matrimonio negli spazi  appositamente destinati. Concluso il periodo di affissione, e attesi ancora tre giorni, consegna agli interessati - nel caso di cerimonia religiosa -  il nulla osta al matrimonio.

Quanto costa?
La pubblicazione di matrimonio ha un costo di 14,62 euro, per ogni marca da bollo da apporre sull'atto.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matrimonio: tutti i documenti necessari alla pubblicazione

NovaraToday è in caricamento