Come aprire un’azienda agricola a Novara

Tutti i passi da compiere per aprire un'azienda agricola

Foto di archivio

Se desideri aprire un'azienda agricola leggi attentamente questa guida: scoprirai tutti i documenti necessari e gli step preliminari all'apertura della tua impresa.

Come richiedere un prestito d'onore

L'azienda agricola

Per azienda agricola si intende un'impresa che ha come principale attività la selvicoltura, l’allevamento di animali e altre attività collegate. Tale impresa artigianale produce e vende prodotti enogastronomici del territorio e seguendo i cicli naturali. L'azienda agricola può offrire anche beni e servizi, sotto forma di ospitalità e ristorazione: in tal caso si parla di agriturismo.

L'imprenditore agricolo

Nell'azienda agricola lavorano una serie di figure tra cui imprenditore agricolo, che si occupa della coltivazione del fondo e dell'allevamento di animali, oltre ad altre attività connesse. In questo senso, tale figura si occupa della conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione dei prodotti del territorio e dell'allevamento di animali, oltre le attività di beni o servizi mediante l'utilizzazione prevalente di attrezzature.

Come aprire un'azienda agricola

Per aprire questo tipo di impresa occorre preparare un’analisi del mercato e della concorrenza, valutando attentamente:

  • Capitale umano (competenze professionali, modello gestionale).
  • Capitale fisico (dimensioni aziendali, immobili disponibili e da acquisire, macchine e attrezzi).
  • Offerta
  • Mercati (canali di vendita possibili, attività promozionali)
  • Redditività e costi

Occore inoltre valutare componenti esterne all’azienda sul piano istituzionale, territoriale (disponibilità di servizi alle imprese agricole) e commerciale (canali distributivi locali).

Una volta terminata l'analisi, l'imprenditore può iniziare a progettare, definendo obiettivi e risultati attesi, oltre a risorse da utilizzare e strategie da implementare.

I documenti necessari

Aprire un’azienda agricola, dal punto di vista burocratico, non é molto differente rispetto ad altre attività. Che si tratti di una impresa strutturata oppure di una piccola attività a conduzione familiare, occorre:

  1. Aprire una partita Iva;
  2. Registrare l’attività presso la Camera di Commercio nel Registro delle Imprese;
  3. Aprire una posizione Inps per il pagamento dei contributi.

Inoltre, per avviare un’attività e quindi diventare imprenditore agricolo, occorre essere uno Iap (imprenditore agricolo professionale), come sancito dal D.Lgs. 99/2004, ossia una figura con requisiti professionali riconosciuta dalla Regione

La verifica del progetto

Una volta stabilito il progetto, occorre individuare le fonti di finanziamento più idonee, trovare bandi specifici per verificare l’effettiva esistenza dei requisiti soggettivi (rispetto al soggetto che si candida) e oggettivi (rispetto al progetto di investimento che si intende proporre).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Coronavirus, nuova ordinanza del ministro Speranza: il Piemonte passa in zona arancione

  • Nuovo Dpcm Natale 2020: le regole allo studio per pranzi, cene e parenti

  • Bambino di 4 anni colpito al volto dal calcio di un cavallo

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

Torna su
NovaraToday è in caricamento