Atc, Genoni si dimette dalla carica di commissario reggente

Giuseppe Genoni si dimette da commissario reggente dell’Agenzia Territoriale per la Casa del Piemonte Nord.

"Sono trascorsi più di quattro mesi dall’insediamento della nuova Giunta Regionale - scrive Genoni nella lettera di dimissioni - da allora ho svolto il mio ruolo di Presidente di un Consiglio di Amministrazione in prorogatio e poi in qualità di Commissario reggente, in entrambi i casi con funzioni limitate di fatto alla mera rappresentanza legale. L’Ente, da troppo tempo, si trova privo di un Organo amministrativo che sia nel pieno dei suoi poteri ed è altresì privo da luglio della figura del Direttore generale - che dovrà essere nominato dal nuovo Consiglio - la cui competenza è indispensabile per svolgere i compiti previsti dallo Statuto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’Ente -commenta Genoni - come ho più volte avuto modo di sottolineare, ha necessità di guida autorevole. Oltre alle auspicate doti di competenza di chi sarà nominato mio successore, ATC non può fare a meno di un Direttore generale di comprovata capacità che sia all’altezza delle problematiche gestionali richieste. L’ultimo Direttore generale ha rassegnato le dimissioni a fine luglio in previsione della scadenza del Consiglio di Amministrazione uscente e da allora l’Ente non ha figure in grado di guidarne in maniera efficace ed efficiente l’attività. La nomina del nuovo Direttore spetta al nuovo Consiglio: tanto più si ritarda nelle nomine tanto più l’attività di ATC risulta di fatto paralizzata. Vi sono questioni aperte urgenti e di grande importanza, non ultimo i rapporti di fatto precontenziosi con alcuni Comuni, tra cui quello di Novara, a fronte di crediti ingenti derivanti da morosità colpevole che i Comuni non vogliono pagare. Aspettare più di sei mesi dopo le elezioni regionali per nominare chi governi ATC vuole significare non avere cura, se non a parole, delle vere esigenze dell’Ente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro fra auto e motocicletta: morto un centauro novarese

  • Stresa, si masturba davanti ai passanti: 26enne denunciato dai carabinieri

  • Incidente a Oleggio, ciclista investito da un'auto

  • Vco, si ribalta e rimane incastrata fra le lamiere dell’auto: persona ricoverata

  • Incidente a Casalino: schianto tra due auto sulla provinciale: tre feriti

  • Scontro tra un camion e un treno merci sui binari della Domodossola-Novara

Torna su
NovaraToday è in caricamento