Politica

Caso Princiotta, il commento di Domenico Rossi

"L'arresto di Princiotta è solo l'ultimo anello di una catena di fatti criminosi attorno al pianeta-cave"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

L’arresto di Princiotta (fatta salva la presunzione d’innocenza di cui chiunque ha diritto) e la notizia data ieri sulla presenza di rifiuti pericolosi nella cava Marcoli di Romentino rappresentano solo l’ultimo anello di una lunga catena di fatti criminosi che hanno toccato il nostro territorio.

A lungo mi sono battuto, come referente di Libera anche grazie al progetto Osservatorio Provinciale sulle Mafie, perché l’attenzione dell’opinione pubblica e dei pubblici amministratori si concentrasse su quel che avveniva nell’Ovest Ticino e in particolare a Romentino. Eppure c’è voluto un delitto perché venissero aperti gli occhi su quei fenomeni che denunciavamo da tempo. Ora questi ultimi due episodi rilanciano l’allarme.

Mi sembra evidente che legalità e trasparenza debbano essere le parole d’ordine per chi affronta questo settore, e in generale per tutti coloro che amministrano i nostri territori. E se dovessi essere eletto in Regione saranno le prime cose per le quali mi batterò. Vorrei ricordare che solo la fine anticipata della legislatura Cota ha impedito che venisse approvata una legge che avrebbe, dal mio punto di vista, peggiorato la situazione dal punto di vista ambientale e della lotta alle mafie.

Se dovessi essere eletto, mi impegnerò affinché il settore cave venga regolato incrementando il ruolo della Regione nella pianificazione del recupero ambientale delle cave dismesse e abbandonate; incentivando il riutilizzo dei materiali, innalzando gli oneri di escavazione e potenziando i controlli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Princiotta, il commento di Domenico Rossi

NovaraToday è in caricamento