Elezioni comunali provincia di Novara 2013

Elezioni comunali 2013: quando un voto è valido e quando no

Cosa rende nullo un voto? Qual è il modo giusto di esprimere la propria preferenza? Ecco tutte le informazioni utili per i cittadini che si recheranno alle urne per eleggere il sindaco e i consiglieri comunali

Quest'anno sono solo due i comuni della provincia di Novara che andranno al voto: Miasino e Ameno.

Ecco alcune informazioni utili circa la validità del voto espresso dai cittadini. In generale, il voto non è ritenuto valido quando ci sono elementi che possano fa intendere che l'elettore abbia voluto rendere riconoscibile il voto stesso.

Il voto può essere dichiarato nullo solo quando la scheda rechi segni, scritte od espressioni che inoppugnabilmente ed inequivocabilmente siano idonei a palesare la volontà dell'elettore di far riconoscere la propria identità: segni o scritte sulla scheda di voto al di fuori degli spazi preposti, e segni che non trovino altra ragionevole spiegazione.

In quelle situazioni in cui in una lista siano compresi candidati con lo stesso cognome, vengono dichiarati nulli i voti di preferenza attribuiti con la sola indicazione del cognome poiché non consente di stabilire a quale dei due candidati assegnare la preferenza.

Cosa non fare per votare correttamente?
Non si può barrare un simbolo ed oltrepassare lo spazio preposto fino a "invadere" altri simboli o altri rettangoli. Non si può apporre nessun altro elemento che non sia la "X" per barrare simbolo e/o nome del candidato a sindaco. Anche scrivere a mano il cognome di un candidato a sindaco, invece di barrare quello prestampato, annulla il voto espresso.

Cosa fare per votare correttamente?
L'elettore può esprimere una sola preferenza per il candidato a sindaco: nel caso in cui si barrino più nomi il voto verrà dichiarato nullo.

Se si commette un errore, prima di avere inserito la scheda nell'urnaelettorale, è possibile chiedere al presidente di seggio una nuova scheda. Quella riportante l'errore dovrà essere annullata in quello stesso momento e riposta in un contenitore atto ufficialmente a contenerla. Una volta riposta la scheda nell'urna, invece, non sarà possibile averne un'altra per correggere eventuali errori o far fronte a ripensamenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni comunali 2013: quando un voto è valido e quando no

NovaraToday è in caricamento