NoiXNovara: "Niente passi indietro, basta soliti culi, sì alle primarie"

Ivan De Grandis critica le proposte di Forze Italia e del resto del centrodestra

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

Forza Italia a pare un disco rotto. Nulla di nuovo sotto il sole dalle ultime dichiarazioni della segreteria. Chiedono un passo indietro a tutti i partiti di opposizione, liste civiche comprese, chiedono un tavolo partecipato ma rifiutano le primarie. Dove vogliono arrivare?

Iniziamo a mettere le cose in chiaro: di passi indietro il Movimento Civico "Noi X Novara" non deve farne. Noi fino ad oggi non abbiamo mai indicato o imposto ufficialmente un candidato. Anzi per primi abbiamo proposto le "primarie" come metodo di scelta del candidato, idea di cui recentemente si sono fatti belli altri, e per primi abbiamo proposto gli "Stati Generali" delle opposizioni,  fuori dalle "segrete stanze" per un confronto reale con la città e l'elettorato.

Adesso cosa chiede Forza Italia, con quali regole e per arrivare a cosa?La questione del nome del candidato sindaco è senza alcun dubbio importante ma lo è molto di più il progetto credibile e concreto per il rilanciare Novara.

Mentre tutti parlano di nomi, noi abbiamo preferito le idee e le nostre "primarie delle idee" hanno chiaramente indicato quella che è la nostra strada. Una Novara di tutti e per tutti, senza beghe tra partiti ma con scelte tese unicamente a migliorare la città, partendo dal basso. Se la base di lavoro sarà questa "Noi X Novara" non avrà problemi ad interloquire con alcuno. Il presupposto fondamentale però deve essere quello di lavorare per Novara e per i suoi cittadini e non per un partito, per una sigla o per rimettere gli stessi culi sulle stesse poltrone.

Se le basi saranno queste noi non ci tiriamo indietro davanti a nessun confronto nè, sia ben chiaro, ci spaventano le primarie, che invece sembrano spaventare FI. Anche in questo caso, peró, le regole devono essere certe e precise e chiaro dovrà essere il contesto e l'oggetto, ossia chi partecipa alle primarie e quale tipo di coalizione il candidato sindaco uscente dalle primarie rappresenterà, sulla base di quale manifesto programmatico e sulla base di quali valori.

Non solo. Il perimetro di una eventuale coalizione dovrà essere ben chiaro, con proposte alla base condivise da tutti.

Ad oggi chi propone le "primarie" rimane piuttosto fumoso. Primarie di chi ? Liste Civiche? Allora anche liste di sinistra? O primarie del centrodestra e quindi che senso avrebbe farle solo per una parte del centrodestra che rischia di essere minoritaria? 

Questo perchè è fondamentale dirlo, noi lo abbiamo sempre sostenuto: le primarie devono essere lo strumento per unire non dividere!"

I più letti
Torna su
NovaraToday è in caricamento