Elezioni comunali 2016

Cofferati a Novara per sostenere la corsa a sindaco di Rodini

L'ex segretario della Cgil ha parlato in piazza Duomo ieri sera, affrontando in particolare il tema del lavoro e della crisi Tamini. "Non si può chiedere a un sindaco di risolvere il problema del lavoro, ma quello che un sindaco può fare è molto"

Numerose le persone che si sono trovate ieri sera in piazza Duomo per parlare del problema del lavoro. Luigi Rodini, candidato sindaco della lista "La Città in comune" ha affrontato, insieme a Sergio Cofferati, eurodeputato ed ex segretario della Cgil, un tema importante, che oggi è in primo piano soprattutto a causa della crisi della ex Verbano Trasformatori. 

"Non si può chiedere a un sindaco di risolvere il problema del lavoro - dice Cofferati nel suo discorso sull'impegno di Luigi Rodini - ma quello che un sindaco può fare è molto: rendere la città più bella e più accogliente sia per chi ci vive sia per le imprese. Badate che anche questi sono criteri in base ai quali le aziende europee scelgono i luoghi dove collocare i loro centri direttivi. Quello che un sindaco può fare è avere un assessore del lavoro che sia degno di questo nome e che si adoperi per annodare tutti i fili che vanno annodati".

Luigi Rodini, da parte sua assicura: "La lista "La Città in comune" vuole governare Novara ed è pronta a farlo. Abbiamo una lista di persone motivate e pronte a mettere le loro capacità e il loro impegno al servizio di Novara. Il mio impegno è sempre stato quello, come giuslavorista, di difendere i diritti dei più deboli ed è questo l'impegno che voglio continuare ad assolvere in difesa della Città e dei miei concittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cofferati a Novara per sostenere la corsa a sindaco di Rodini
NovaraToday è in caricamento