Politica

Case popolari e Fondo sociale: i Comuni novaresi rispondono all'appello di Atc

La task forse dell'Agenzia territoriale della casa ha coinvolto i sindaci del novarese per spiegare come aiutare gli inquilini che non riescono a pagare l'affitto

Il direttore di Atc Piemonte Nord Luigi Brossa

Comuni novaresi e Atc uniti per incrementare le domande per il Fondo sociale per gli inquilini delle case popolari che non riescono a pagare l’affitto. La task force dell’Agenzia territoriale della casa del Piemonte Nord, dopo Biella e Vercelli, ha coinvolto anche i sindaci del novarese per spiegare passo-passo come aiutare gli inquilini che non riescono a pagare l’affitto a fare domanda per il contributo.

Alla chiamata di Atc si sono presentati, mercoledì 22 febbraio, i Comuni di Borgomanero, Bellinzago, Carpignano, Castelletto, Cerano, Galliate, Gozzano, Grignasco, Lesa, Novara, San Maurizio d’Opaglio, Trecate e Arona, oltre ai Consorzi per i servizi sociali del territorio.

"Atc Piemonte Nord - ha spiegato il direttore Luigi Brossa - ha ottenuto nell’ultima ripartizione 1,3milioni di euro per 9900 assegnatari dal Fondo sociale regionale, decisamente troppo poco. Puntiamo ad incrementare notevolmente questa quota. Per questo però è indispensabile il supporto dei Comuni e della rete del sociale, per aiutare a pagare la quota minima di 480 euro necessari per accedere al Fondo e ripristinare un circolo virtuoso nei confronti delle morosità". Per presentare domanda per il Fondo sociale c’è tempo fino al prossimo 2 maggio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case popolari e Fondo sociale: i Comuni novaresi rispondono all'appello di Atc

NovaraToday è in caricamento