Sabato, 20 Luglio 2024
Politica

Forza Nuova Novara: Grillo sposa la tesi forzanovista sull'euro

Secondo Forza Nuova: "L'uscita dell'Italia dall'euro segnerebbe una svolta anche per altri paesi quali la Spagna, la Grecia, il Portogallo e, a seguire, persino la stessa Francia"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

Grillo propone un referendum sull'euro.

Mettiamo per il momento da parte le considerazioni sulla legittimità o meno di tale operazione in base al dettato costituzionale che vieta i referendum sui trattati economici e internazionali e vediamo quali potrebbero essere le prospettive per l'Italia con una uscita dalla moneta unica.

Di certo la prima cosa sarebbe quella di tornare a battere moneta, cosa che Forza Nuova rivendica da tempo. Sicuramente gli italiani non riceverebbero al cambio 1936,27 lire per un euro ma ipotizziamo 1.200 lire. La svalutazione infatti che molti paventano come uno spaurachio, è già avvenuta il 1 gennaio 2002, anno di introduzione della moneta europea. In questo caso chi percepisce attualmente uno stipendio di 1.500 euro netti si troverebbe ad avere uno stipendio di 1.800.000 lire che, con una rimodulazione dei prezzi al ribasso, ovviamente opportunamente controllata, potrebbe riguadagnare potere d'acquisto e dare respiro alle famiglie.

Ovviamente al cambio monetario si dovrebbero accompagnare alcuni provvedimenti basilari. In base al principio che deve essere la politica a guidare l'economia e non il contrario, vediamone alcuni:
1. Uscita dall'Eurozona e cancellazione definitiva del Trattato di Maastrcht;
2. Nazionalizzazione della Banca d'Italia;
3. Nuova legge sul controllo delle banche;
4. Reddito da cittadinanza a casalinghe e disoccupati;
5. Divieto per i risparmiatori italiani di acquisto di titoli esteri nei prossimi 10 anni;
6. Nazionalizzazione di alcuni settori strategici dell'economia quali quello energetico con massicci investimenti nelle energie pulite (fotovoltaico, eolico, idrico), i trasporti e i servizi;
7. Massiccia riduzione delle importazioni e utilizzo delle risorse del nostro paese;
8. Rilancio della domanda interna attraverso una rimodulazione dei prezzi guidata dall'alto;
9. Rilancio dell'agricoltura atttraverso il recupero dei terreni incolti e la creazione di cooperative;
10. Regolamentazione del mercato immobiliare attraverso una legge quadro sulla casa e sull'emergenza abitativa;
11. Divieto delle delocalizzazioni e detassazione delle imprese.
12. Rilancio del settore turistico, attraverso la realizzazione delle necessarie infrastrutture, rendendolo competitivo al massimo. Si pensi alla Salerno Reggio Calabria che il regime democratico non è riuscito a portare a termine in 50 anni;
13. Redistribuzione delle aliquote Irpef in base ai diversi redditi;
14. Drastico ridimensionamento delle spese della politica attraverso la riduzione del numero dei parlamentari al 40%, l'abolizione dei loro privilegi e la sospensione del finanziamento ai partiti;
15. Abolizione delle Regioni e trasferimento delle loro competenze alle province;
16. Politica demografica e di sostegno alle famiglie;

Del resto, vie d'uscita non ce ne sono. Il debito pubblico, così come è ora, è destinato a crescere e finirà per portarci alla rovina. Il liberismo, fondato su una economia finanziaria virtuale, sta divorando i popoli. I dati di ieri segnano la disoccupazione giovanile in Italia al 38,2 % e tutta la cosiddetta eurozona è in crisi occupazionale. L'avvenire dei giovani così è compromesso.

L'uscita dell'Italia dall'euro segnerebbe una svolta anche per altri paesi quali la Spagna, la Grecia, il Portogallo e, a seguire, persino la stessa Francia. In tal modo si porrebbero le basi per una Europa autentica, cioè quella dei popoli, non quella delle lobbies e delle grandi concentrazioni bancarie.

E' inutile trascinarsi un una lenta agonia, meglio afferrare il toro per le corna prima che sia troppo tardi.

Luca Castellini - coordinatore Forza Nuova Nord Italia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forza Nuova Novara: Grillo sposa la tesi forzanovista sull'euro
NovaraToday è in caricamento