M5S, Crippa e Martelli: Princiotta e l'indennità di risultato

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

Apprendiamo con sconcerto dalla stampa locale che la Provincia di Novara ha erogato all’ex segretario Antonino Princiotta il corrispettivo dallo stesso richiesto nel mese di dicembre dello scorso anno, relativo all’indennità di risultato, per le mansioni esercitate e gli obbiettivi raggiunti in qualità di direttore generale nell’anno 2014.

Si tratterebbe di un importo complessivo pari a euro 41mila di cui è stata liquidata una somma pari a euro 13.666.

Vorremmo far presente che le indagini al momento in corso stanno delineando un quadro da cui emergerebbe come il sig. Princiotta avrebbe ricevuto una tangente pari a 60mila euro al fine di certificare a sua volta uno strumento per il trattamento di rifiuti speciali, nonostante lo stesso risultasse privo dei requisiti tecnici necessari alla certificazione, e proprio tali indagini hanno portato al conseguente arresto dell’ex segretario generale.

Giusto per fare un po’ di cronaca recente, vorremmo anche ricordare che il sig. Antonino Princiotta risultava già imputato a Monza nel processo per il cosiddetto "Sistema Sesto", a fronte dell’azione di acquisto del 15% della Milano-Serravalle da parte della Giunta Provinciale di centrosinistra in carica tra il 2004 e il 2009 guidata dal presidente Filippo Penati, di otto membri della stessa e dell’ex segretario generale Antonino Princiotta e che secondo la Procura quest’acquisto illecito avrebbe provocato un danno erariale di oltre 100 milioni di euro, in quanto tra l’altro, sempre secondo la Procura di Monza, la dichiarazione di Princiotta risultava essere un falso in atto pubblico.

La Giunta Provinciale di Novara, riunitasi in data 9 maggio 2014, aveva dato in carico all’Ufficio Avvocatura di notificare la costituzione di "parte civile" a tutela della Provincia stessa e della sua immagine.

Proprio alla luce della costituzione di "parte civile" della Provincia, viene da chiedersi dove sia la coerenza nel riservare a Princiotta un’indennità di risultato, specialmente alla luce del rischio del mantenimento del posto di lavoro per più di 120 dipendenti della Provincia stessa, come recentemente emerso da diversi organi di stampa.

Alla luce di questi fatti, abbiamo provveduto nella giornata di oggi ad inviare la presidente della Provincia di Novara Matteo Besozzi e per conoscenza al Prefetto Francesco Paolo Castaldo una lettera in cui richiediamo perchè elargire tale bonus vista la crisi dell’ente e se si è valutato di congelare tale indennità vista la situazione processuale di Princiotta.


Davide Crippa e Carlo Martelli (M5S)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento