Teatro Faraggiana | Il commento dell' ennecidino Ivan De Grandis

Il giovane dirigente di Ncd dice la sua sulla questione della restaurazione e rilancio del teatro Faraggiana. "I lavori sono costati 2,6 milioni di euro dei cittadini e ora si ricomincia da capo?"

"L'amministrazione Ballarè ha annunciato più volte l'imminente riapertura del Teatro Faraggiana - che doveva essere aperto a fine 2011! - ovviamente i giorni e i mesi sono passati e oggi propone alla città di trasformarlo in multisala.

Però - obietta il giovane dirigente Ncd, Ivan De Grandis, la questione da sottoporre ai cittadini non è "multisala sì o multisala no", ma è cosa ben più complessa. A luglio 2011 era l'assessore ai lavori pubblici Nicola Fonzo - spiega De Grandis - a dire alle testate giornalistiche novaresi: "ormai il teatro è pronto ed è un vero gioiellino". Quindi stiamo parlando di una struttura che è veramente pronta - tranne la fognatura - da anni. Negli anni sono stati spesi circa 2,6 milioni di euro - come hanno riportato alcuni giornali locali - per un Teatro che doveva essere restituito come tale alla città ma che ora, per essere trasformato in multisala, dovrà vedere altri lavori, altre lungaggini e altre spese.

E' scontato - prosegue - che chiedendo ai cittadini se vogliono una multisala, per svariati motivi come la comodità, la più vasta scelta di pellicole, le possibilità commerciali ecc..., questo rispondano di sì, ma la domanda da fare ai cittadini, come abbiamo detto, è ben diversa e la facciamo noi: "siete d'accordo a buttare dalla finestra 2,6 milioni di euro, rinunciando ad un teatro chiuso da 15 anni e pronto dopo 10anni di attesa per i lavori necessari e a spendere altri soldi e altro tempo per trasformarlo in una multisala?" Sarebbe uno spreco incredibile di denaro pubblico al quale seguirebbe un altro forte investimento e si finirebbe per pagare due volte la stessa struttura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Teatro - continua De Grandis - è stato donato al Comune di Novara dal Senatore Raffaello Faraggiana "a condizione che venga conservato quale teatro, che porti sempre il suo nome..." e anche per questo chiediamo che si mantenga l'uso principale di Teatro, rendendolo polivalente, certo, ma rispettando il vincolo del lascito. La nostra proposta? Salvaguardare l'investimento pesante che è stato fatto per restituirlo alla città come teatro in primis, poi non ci dispiacerebbe una "fondazione della cultura" che renda il Faraggiana un vero incubatore culturale, dove trovino spazio le associazioni, le scuole, i musicisti e gli artisti novaresi e non, e dove la cultura sia più accessibile a tutti. Una visione diversa, coraggiosa, meno commerciale, più costruttiva e che offra un servizio molto diverso dal Coccia."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • "Fase" 2 | Sì a sport, passeggiate e montagna: tutte le regole in Piemonte

  • Coronavirus: in Piemonte mascherine obbligatorie anche all'aperto per il ponte del 2 giugno

  • Cameri, tutti a guardare il cielo per l’atterraggio delle Frecce Tricolori

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Cornavirus, primo sabato sera di apertura di bar e ristoranti a Novara

Torna su
NovaraToday è in caricamento