Ncd rilancia la campagna #Stopstrisceblu e 3 nuove proposte

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

Noi del Nuovo CentroDestra ci eravamo mobilitati già oltre un anno fa per raccogliere le firme dei cittadini che volevano mettere un freno alla voglia di parcheggi blu dell'amministrazione Ballarè che, da quando si è insediata, ha dapprima aumentato la tariffa oraria dei parcheggi a pagamento esistenti e poi ha proseguito nella sua opera di colorare di blu le strisce bianche rimanenti. Volevamo e vogliamo impedire a chi governa - male - la città, di proseguire nel progetto, svelato in estate 2013, di fare altri nuovi 4.500 parcheggi a pagamento a Novara.

Ormai purtroppo non manca molto alla "rivoluzione della sosta" marchiata PD, con la quale lasciare l’auto in sosta libera, gratis, ad una ragionevole distanza dal centro diventerà impossibile.

Grazie alla Cassazione però,  possiamo dire che il caso delle città senza strisce bianche vicino a quelle blu è tutt'altro che chiuso! Infatti, fresca di pubblicazione, arriva la sentenza della sesta sezione della Cassazione di Roma, dello scorso 3 settembre, con la quale è stata annullata la multa comminata ad una signora che aveva parcheggiato senza ticket e che ha presentato ricorso adducendo che nella zona non c'erano strisce bianche, come previsto dal codice.
Così con quest'ultima sentenza è diventato chiaro, come se già non lo fosse stato, che le multe sono annullabili nelle zone dove non ci sono parcheggi gratuiti vicino a quelli a pagamento.

Le strisce blu novaresi, dunque, come quelle di moltissime altre città italiane, fino a prova contraria, parrebbero irregolari. In tal senso il codice della strada parla chiaro già da tempo, con il sostegno di una precedente sentenza della Cassazione a sezioni civili unite, riferendosi ad un comune sardo, con la quale si ribadiva, nel 2011, che "possono essere annullate le multe elevate agli automobilisti rei di non aver pagato il parcheggio nelle strisce blu se mancano, nelle zone limitrofe, aree di sosta gratuita".

Per tutti questi motivi oggi pomeriggio (11 ottobre) dalle 15 alle 18 saremo in piazza Cesare Battisti per rilanciare la storica battaglia #StopStrisceBlu e per dare voce alla sacrosanta protesta dei cittadini che sono sempre più stufi di tasse e balzelli. Ma non ci fermeremo qui, perchè oltre alla protesta, raccoglieremo le firme anche per tre proposte concrete a tutela dei cittadini: la prima è la richiesta di ripristinare delle aree di posteggio gratuito adiacenti al centro città; la seconda e la terza servono per chiedere di portare i parcheggi nelle vicinanze dell'ospedale alla tariffa di 1 euro all'ora (al posto di 1,50) e di far pagare il ticket a partire dalla seconda ora di sosta (la prima ora sarebbe dunque gratuita), come già succede nel parcheggio di via Marconi.
Riteniamo, oggi più che mai, che non si debba fare cassa sulle spalle dei cittadini, e a maggior ragione che sia ingiusto speculare su chi il parcheggio lo utilizza per accedere all'ospedale per visite, terapie o anche solo per assistere alle persone care. E' vero che esiste un'area in fondo all'Allea a prezzo calmierato, ma è anche vero che il numero di posteggi disponibile non è sufficiente alle esigenze.

Torna su
NovaraToday è in caricamento