rotate-mobile
Politica

Pd Novara: un'interrogazione sulla vicenda dei risarcimenti Inps

La deputata novarese del Pd ha presentato un'interrogazione urgente al Ministro Fornero che impegni il Governo faccia piena luce sulla richiesta di risarcimento inviata dall'Inps ai cittadini in pensione

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

Stanno circolando sul territorio nazionale a anche nella provincia di Novara lettere dell’Inps indirizzate a numerosi pensionati ai quali viene chiesta la restituzione di somme erroneamente corrisposte per gli anni dal 1992 al 2011.

Tali richieste non tengono conto minimamente della situazione reddituale, sociale e familiare dei pensionati e vengono addotte motivazioni generiche, senza previsione di possibilità di rateizzazione del debito. In un momento già così difficile, queste lettere stanno generando una situazione di ulteriore allarme sociale sfociato nel suicidio di una persona anziana.

La pretesa restituzione delle somme viene indicata in molti casi con l’espressione "A seguito della revisione delle operazioni di calcolo è risultato che l’importo della pensione spetta in misura inferiore a quella corrisposta" . La lettera, asettica e burocratica, si limita a comunicare all’interessato la possibilità di presentare un ricorso esclusivamente on-line, precisando che in caso di mancato riscontro l’istituto procederà al recupero coattivo delle somme.

Quanto sta avvenendo è molto grave e irriguardoso nei confronti dei cittadini più deboli che sul reddito pensionistico fanno affidamento per condurre una vita dignitosa. Come gruppo Pd alla Camera abbiamo presentato dapprima un’interrogazione urgente al Ministro Fornero e in seguito, assieme ad altri colleghi, una risoluzione – prima firma Cesare Damiano – (approvata all’unanimità) che impegna il governo a intervenire con urgenza. Ho convintamente sottoscritto entrambi gli atti parlamentari affinchè il governo faccia piena luce su fatti, cause e dimensioni del fenomeno, ma soprattutto emani al più presto atti di indirizzo affinchè l’Inps ponga rimedio all’allarme sociale procurato.

I pensionati non hanno colpa degli errori commessi da altri. Si intervenga dunque per attutire o eliminare le decurtazioni alle persone che percepiscono pensioni già modeste e si preveda una nuova e più umana forma di notifica che contempli la possibilità di rateizzazione.
 

On.Elisabetta Rampi
Partito Democratico Novara

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pd Novara: un'interrogazione sulla vicenda dei risarcimenti Inps

NovaraToday è in caricamento