menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco di Novara e i leghisti novaresi alla manifestazione della Lega a Verona

Il sindaco di Novara e i leghisti novaresi alla manifestazione della Lega a Verona

Novara celebra il 25 aprile, ma senza Canelli: polemica tra Pd e Lega Nord

I consiglieri comunali del Partito Democratico attaccano il sindaco che "diserta le celebrazioni ufficiali del 25 aprile e va a Verona da Salvini". Per i leghisti, invece, "i membri novaresi del Pd hanno deciso di fare l'ennesimo figuraccia"

Anche Novara ha celebrato il 25 aprile. Ma quest'anno la festa della Liberazione è stata anche oggetto di una polemica tra gli esponenti novaresi del Partito Democratico e quelli della Lega Nord. Oggetto: l'assenza del sindaco Alessandro Canelli alle celebrazioni della ricorrenza.

In un comunicato, infatti, i consiglieri comuali del Pd hanno criticato la scelta del primo cittadino di "disertare le celebrazioni ufficiali del 25 aprile per andare a Verona da Salvini".

"La festa della Liberazione - si legge nella nota dei democratici - dovrebbe essere nelle intenzioni originarie, il ricordo di uno degli elementi fondanti della Repubblica. Per questo, al di là delle diverse sensibilità culturali, politiche e personali, il 25 aprile è la festa di tutti. E per questo ha sempre avuto una forte caratterizzazione istituzionale. Oggi abbiamo visto, con profondo rammarico, che il sindaco pro tempore della città di Novara ha scelto di non onorare questo momento solenne, disertando le celebrazioni a Novara e preferendo partecipare ad una manifestazione di partito a Verona".

"Canelli - accusano i consiglieri di minoranza del Pd - dimostra ancora una volta di orientare i propri comportamenti secondo una scala di valori assai distante dalla nostra: per lui conta di più l'ossequio al suo 'capo' partito (tra l'altro in una iniziativa provocatoriamente voluta da Salvini in questa giornata) che la presenza nel proprio ruolo istituzionale ad una celebrazione ufficiale di una festa nazionale. Noi stiamo dall'alta parte".

La replica della Lega Nord non si è però fatta attendere: "Alle puerili polemiche del Partito Democratico rispondiamo rammentando che durante San Gaudenzio nessuno di loro si fece vedere durante le manifestazioni cittadine. Mentre, oggi 25 aprile, l'amministrazione comunale era ben rappresentata al Broletto da un assessore importante come Silvana Moscatelli e anche il pro-tempore presidente della provincia Besozzi del Pd è stato sostituito da un suo delegato, in quanto assente".

"In un paese libero - hanno risposto i leghisti - ognuno decide di festeggiare il giorno della Liberazione come meglio crede, e noi abbiamo voluto stare con i nostri fratelli e portare solidarietà alle vittime, intervenute sul palco, accusate di eccesso di legittima difesa. Anche oggi i membri novaresi del Pd, hanno deciso di fare l'ennesima figuraccia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento