rotate-mobile
Politica

"Una Provincia con le tasche bucate", il Pd torna all'attacco

Il Gruppo provinciale del Partito Democratico "rimprovera" Sozzani e la sua Giunta. Nel 2013, per la comunicazione 101mila euro e 450mila destinati ai premi per i dirigenti

Nell'ultimo anno, la Provincia di Novara ha speso per la comunicazione 101mila euro e 450mila per i premi destinati ai dirigenti.

Il Gruppo provinciale del Partito Democratico fa i conti in tasca a Sozzani e alla sua Giunta e, numeri alla mano, chiede al presidente "come sia possibile sostenere di non avere soldi per garantire il trasporto pubblico, l'apertura delle scuole il sabato mattina e il loro adeguato riscaldamento. L'ennesimo spreco a discapito di welfare, sostegno all'impresa, politiche giovanili e promozione del territorio".

E' questo l'argomento della conferenza convocata ieri pomeriggio, mercoledì 18 dicembre, dal Pd in merito alla gestione economica dell'Ente.

"La scorsa estate - ha spiegato la capogruppo Pd a Palazzo Natta Valeria Galli - con tanto di hashtag, abbiamo elencato una serie di motivi per i quali fosse giunto il momento di 'passare oltre', ma oggi i problemi per il territorio si sono ulteriormente aggravati".

Secondo i consiglieri provinciali di minoranza, infatti, in aggiunta ai tagli dovuti alla Spending Review, a pochi mesi dalla fine del mandato aumenta, se possibile, la mala gestione delle poche risorse disponibili.

"Con Sozzani - ha aggiunto Galli - siamo tornati nella Francia di Luigi XVI: fuori la povertà del territorio, dentro al palazzo lo sfarzo e l'opulenza".

"Per un Ente sul viale del tramonto, mi domando - ha osservato la consigliera democratica Milù Allegra - cosa ci sia da comunicare di così fondamentale a tal punto da stanziare 101mila euro, ovvero il doppio di quanto speso per la comunicazione prima dell'ipotesi sulla riforma delle Province... Non è che per caso, tutto questo personale esterno serve a Sozzani per la sua comunicazione e per quella del suo 'partito'?".

L'assessore al Bilancio Luca Bona, per sua stessa ammissione, fatica a chiudere il bilancio e ai dipendenti vengono chiesti importanti sacrifici, "per poi - sottolineano i democratici - scialacquare i fondi pubblici laddove non c'è".

"Per il 2013 - precisano i consiglieri - escludendo le mere comunicazioni di servizio, non sono stati redatti neppure 50 comunicati: considerando i costi per tre addetti all'Ufficio stampa, internet e consulenza politica, superiamo i 2mila euro per comunicazione. Uno sproposito anche per le metropoli, come pure il contributo a dirigenti senza più obiettivi e in condizioni di assenza di margini operativi. Eppure con determina dirigenziale 3284/2013 viene costituito il fondo per il finanziamento della retribuzione di posizione e di risultato".

"Sotto l'albero di Natale - ha aggiunto Allegra - troviamo una delibera da 450mila euro per premi e posizioni per i dirigenti. Guarda caso la medesima cifra utile ad evitare la settimana corta a scuola; e proprio nel periodo in cui in Provincia si spengono i termosifoni".

Dello stesso avviso il consigliere Emiliano Marino: "Sono sempre stato garantista, ma a fronte degli sprechi che mettiamo in campo oggi e a fronte di un bilancio che negli anni pareggia da 61 a 54 milioni, con tanto di dichiarazione di presidente, divento giacobino".

E le critiche all'operato del Presidente, come ricordano i democratici, arrivano anche dal Centrodestra: il Nuovo Centro Destra, infatti, nei giorni scorsi, ha evidenziato il triste bilancio dell'amministrazione Sozzani, sottolineando "le bugie propinate sulle realizzazioni del Ponte sul Ticino e della Bretella autostradale, la depressione del Trasporto Pubblico Provinciale, le chiusure al sabato delle scuole e il taglio continuo di tutti i servizi alla persona".

"Dovremmo chiedere ad Andretta - ha ironizzato Valeria Galli - di versarci i diritti d'autore in quanto ricalca appieno le critiche che avevamo portato a Sozzani: un presidente che usa la Provincia come trampolino per per la propria carriera politica e il proprio 'partito'".

"Forse Sozzani - hanno concluso i consiglieri democratici - dovrebbe pensare meno al triste revival di Forza Italia, e concentrarsi sul presente, su quei cittadini che hanno bisogno di risposte. Invece, come dicono i suoi ormai ex amici, è in cerca solo di poltrone".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Una Provincia con le tasche bucate", il Pd torna all'attacco

NovaraToday è in caricamento