Gestione associata dei servizi comunali: dalla Regione 8 milioni

L'approvazione della graduatoria stanzierà fondi ad 81 forme associative. Maccanti: "Un ulteriore passo della Giunta Cota che è al fianco degli Enti locali in questa difficile fase di cambiamento"

8 milioni di euro: è questo il contributo che la Regione Piemonte ha assegnato al sistema degli Enti locali piemontesi per la gestione associata delle funzioni e dei servizi.

La Giunta regionale, infatti, ha approvato la graduatoria che consentirà di stanziare fondi a 81 forme associative. Secondo l'assessore regionale agli Enti locali Elena Maccanti si tratta di "Un ulteriore passo avanti della Giunta Cota che, seppur in un momento di forte contrazione delle risorse pubbliche, è al fianco degli enti locali in questa difficile fase di cambiamento”.

Le funzioni finanziate sono quelle fondamentali che dovranno essere obbligatoriamente gestite in forma associata dai Comuni sotto i 5mila abitanti e, quelli montani, sotto i 3mila abitanti: funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo, istruzione pubblica, viabilità e trasporti, polizia locale, gestione del territorio e dell’ambiente, sociale.

“Il bando aperto dalla Regione nello scorso mese di ottobre - ha detto Maccanti - andava nella direzione di accompagnare i Comuni verso l’obbligatorietà della gestione associata così come prevista dal decreto legge 78. Nella definizione dei criteri di assegnazione delle risorse, infatti, abbiamo premiato le forme associative strutturate, in particolare le Unioni di Comuni, in base al numero di servizi fondamentali che erogano e alla popolazione che raggiungono, con una ulteriore premialità per il settore sociale e per quelle forme associative che coinvolgono i piccoli Comuni, che sono di norma quelli più penalizzati nella possibilità di erogare servizi efficienti a costi standard. Come annunciato abbiamo ammesso a finanziamento, fino a capienza delle risorse, anche le convenzioni. Anche la tempistica molto rapida dell’istruttoria permette di sostenere concretamente i Comuni nell’organizzazione e nella gestione dei servizi”

"La Regione - ha concluso l'assessore - è al fianco dei Comuni in una fase molto delicata: nel 2012 entra infatti in vigore l’obbligo di gestione associata delle funzioni fondamentali e la Regione vuole essere di supporto, anche tecnico, per gli adempimenti di legge. Abbiamo approvato un disegno di legge che introduce importanti novità alla normativa e ci auguriamo che presto si inizi la discussione in sede di Consiglio delle Autonomie locali e di Consiglio regionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave incidente a Oleggio: auto precipita dalla statale

  • Novara, in arrivo un supermercato: in corso della Vittoria aprirà Lidl

  • Novara, scoperto un meccanico abusivo a Sant'Agabio

  • Treni: nuovo sciopero regionale in arrivo a novembre, viaggi a rischio in Piemonte

  • Novara, a Sant'Agabio nascerà un nuovo polo logistico con 400 posti di lavoro

  • Grignasco, si ustiona mentre prepara una grigliata: grave al CTO di Torino

Torna su
NovaraToday è in caricamento