rotate-mobile
Politica

Regione, inchiesta corruzione: Expo, revocato l'incarico a Cortese

La decisione è stata presa con una delibera, approvata dalla Giunta regionale, dal presidente Roberto Cota. Il giornalista novarese non sarà più il rappresentante del Piemonte per l'Expo

Mentre prosegue l'inchiesta per corruzione della Procura della Repubblica di Novara, che si sta svolgendo tra Novara e Torino, il presidente della Regione Roberto Cota ha revocato il ruolo di rappresentante del Piemonte per l'Expo 2015 a Giuseppe Cortese.

Il giornalista novarese, e braccio destro di Cota, è infatti coinvolto nelle indagini che hanno portato ad iscrivere nel registro degli indagati, oltre a lui, l'ex assessore regionale e sindaco di Novara Massimo Giordano e la sua portavoce Isabella Arnoldi, moglie di Cortese e consigliere comunale a Novara.

La decisione è stata presa con una delibera dal governatore Cota, delibera poi approvata dalla Giunta regionale. Nei giorni scorsi, inoltre, Cota aveva assunto le deleghe dell'ex assessore Giordano, che si era dimesso dopo che la polizia e le Fiamme Gialle avevano perquisito la sua casa di Novara e i suoi uffici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione, inchiesta corruzione: Expo, revocato l'incarico a Cortese

NovaraToday è in caricamento