Rossi: "Ospedale Borgomanero e Poliambulatorio di Oleggio, purtroppo siamo fermi ai soli annunci della Regione"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NovaraToday

“Ancora annunci dal Presidente Cirio e dalla sua giunta in ambito sanitario che, però, non trovano riscontro negli atti ufficiali”. Lo dichiara il consigliere regionale Domenico Rossi commentando la risposta dell’assessore Icardi all’interrogazione sull’ampliamento dell’Ospedale di Borgomanero e la realizzazione del poliambulatorio di Oleggio.

“Il Presidente Cirio e l’assessore Icardi hanno annunciato nei mesi scorsi la realizzazione di due opere importanti e da tempo attese sul territorio, ma tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare…” spiega Rossi evidenziato che l’assessore non ha dato alcun dettaglio sui tempi di realizzazione e tantomeno sulle risorse. 

“Icardi è stato molto preciso nell’indicare l’ammontare degli investimenti, 20,1 milioni di euro per il nuovo padiglione dell’ospedale di Borgomanero e 7,8 milioni per il poliambulatorio di Oleggio, ma siamo ancora nel campo delle buone intenzioni: i soldi non sono ancora stati stanziati. Verranno richiesti all’interno delle risorse del Fondo Nazionale “ex. articolo 20”, ma ancora non ci sono, mentre il Poliambulatorio di Oleggio non è nemmeno stato inserito nel lungo elenco del Next Generation Piemonte” chiarisce il consigliere Dem. “A riprova di quanto affermato lo stesso Icardi parla di ‘progetto di programmazione sanitaria’, solo un’ipotesi di pianificazione che dovrà essere approvata in consiglio regionale, quando non è dato a sapersi, prima di essere considerato operativa e sulla base della quale verranno richiesti i fondi che il ministero dovrà approvare” aggiunge Rossi.

“E’ una buona notizia che la maggioranza ritenga importanti questi interventi sul territorio novarese, ma è dal novembre 2019 che l’assessore Icardi annuncia il finanziamento per l’ospedale di Borgomanero…  Ma è evidente, purtroppo, che siamo nel campo delle buone intenzioni. Forse sarebbe il caso di attendere l’approvazione degli atti ufficiali prima di fare annunci di questo tipo e lavorare per andare oltre le promesse”. 

I più letti
Torna su
NovaraToday è in caricamento