rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Politica Trecate

Ruggerone augura buon lavoro alla nuova giunta, ma avanza alcuni dubbi

L'ex sindaco trecatese si pronuncia sulle scelte della nuova giunta: mancano gli assessoreti alla cultura, ai lavori pubblici, all'urbanistica e alle attività produttive

Una lettera aperta per augurare buon lavoro alla nuova giunta. Così Enrico Ruggerone ha deciso di esprimere anche alcune perplessità sulle scelte degli assessori, alcuni non trecatesi, e sulle deleghe.

"Buon lavoro e buona fortuna al Sindaco Federico Binatti e alla sua giunta - scrive Ruggerone Seppur con dieci giorni di ritardo sulla tabella di marcia, proprio il primo cittadino aveva dichiarato che avrebbe ufficializzato la giunta il giorno successivo al voto di ballottaggio, Trecate ha di nuovo un'amministrazione. Cinque assessori e nove consiglieri delegati. Certi che ciascuno di loro farà del proprio meglio per amministrare non possiamo non entrare nel merito di alcune scelte". 

"La prima: Trecate non ha un assessorato alla cultura, così come non ne ha uno ai lavori pubblici e neppure all'urbanistica e alle attività produttive: le funzioni principali della città sono trasferite su consiglieri comunali, una scelta discutibile di cui verificheremo l'efficacia già nelle prossime settimane".

"Rileviamo, inoltre, che, nonostante il Sindaco Binatti avesse dichiarato di volere tenere in capo la delega al Bilancio, quest'ultima è stata affidata al “tecnico” Elisabetta Franzosi, avvocato Novarese, candidata proprio nel capoluogo nelle liste di Fratelli d'Italia. Un'informazione che conferma come la giunta sia fortemente sbilanciata, un assessorato anche a Roberto Minera, sul partito che localmente fa capo all'Onorevole Gaetano Nastri ed evidenzia una forte presenza di non trecatesi nella maggioranza. Oltre a Franzoni, infatti, anche i due consiglieri della Lega Nord non risiedono nel nostro comune: Patrizia Dattrino, già nella segreteria di Roberto Cota ai tempi della presidenza della Regione Piemonte, è di Novara, mentre Mauro Bricco è Ceranese. Un esperimento già provato dal Carroccio, che evidentemente fatica a radicarsi sul territorio, negli ultimi cinque anni di minoranza con il valsesiano Locarni, di Carpignano Sesia, che non ha sostanzialmente partecipato all'attività consiliare. Siamo certi che l'atteggiamento dei due consiglieri eletti sarà più costruttivo".

"Superato una prima evidente impasse nella costituzione dell'esecutivo auspichiamo che il Sindaco, il suo vice Giorgio Capoccia, e la Giunta si mettano subito al lavoro su importanti percorsi già avviati, il rinnovo dell'illuminazione pubblica, la riqualificazione di Villa Cicogna, gli interventi su via Mazzini, Via Novara, via Barassino, la pianificazione dell'ex Area Bpn, l'importante azione che potrà svolgere lo sportello lavoro accreditato da Regione Piemonte: uno strumento che davvero contribuirà a fronteggiare la crisi occupazionale. Sullo sviluppo di questi percorsi, così come sull'attività istituzionale i consiglieri comunali del Partito Democratico e di Nel Cuore di Trecate svolgeranno un'attenta attività di verifica e controllo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruggerone augura buon lavoro alla nuova giunta, ma avanza alcuni dubbi

NovaraToday è in caricamento