Sei mesi di amministrazione Canelli: il primo bilancio del sindaco

Il primo cittadino fa il punto della situazione dopo i primi mesi di governo: "Abbiamo fatto tanto, e sono molti i nuovi progetti in cantiere"

Dopo i primi sei mesi di amministrazione, è tempo di stilare un primo bilancio per il sindaco di Novara Alessandro Canelli. Il primo cittadino ha infatti fatto il punto della situazione, elencando quanto è stato già fatto e quanto, invece, sarà messo in campo nei prossimi mesi.

"Dopo la nostra elezione - ha spiegato Canelli - abbiamo deciso di dare alla nostra amministrazione un'impostazione diametralmente opposta rispetto a chi ci ha preceduti, andando ad ascoltare e incontrare i cittadini. Abbiamo poi iniziato a lavorare su due livelli, mettendo mano ai progetti avviati dalla precedente amministrazione e concretizzando alcune delle proposte lanciate in campagna elettorale".

Tra queste, il sindaco ha voluto ricordare gli interventi a favore della sicurezza urbana, "con il cambio al comando della polizia locale, e l'avvio di una serie di corsi di formazione dedicati ai nostri vigili, e tenuti dalla Questura, che oggi possono collaborare attivamente con le forze dell'ordine".

"Come promesso in campagna elettorale - ha aggiunto Canelli - abbiamo ridotto le tariffe degli asili nido e siamo intervenuti nella manutenzione di strade e parchi. Nei prossimi mesi partiranno inoltre una serie di progetti che riguardano le periferie, la sicurezza e il lavoro. A breve ci saranno novità anche per quanto riguarda il Musa".

Riguardo a quanto fatto dall'estate ad oggi, invece, il primo cittadino ha elencato una serie di interventi, tra i quali: l'organizzazione dei mondiali di pattinaggio; la riapertura "in tempi record", come ha commentato lo stesso Canelli, del Teatro Faraggiana; la situazione "Atc e case popolari", con le 700 decadenze per morosità, "che grazie alla collaborazione con l'assessore regionale Ferrari abbiamo iniziato a risolvere"; il problema del riscaldamento al Supercondominio San Rocco; la messa in sicurezza della Chiesa di San Luigi; l'avvio dei lavori per la rotatoria di viale Curtatone; l'istituzione della navetta domenicale, che ha sostituito quella circolare dei giorni feriali.

"Abbiamo inoltre affrontato - ha concluso Canelli - la situazione dei richiedenti asilo, che erano accolti in maniera non equa nella nostra provincia, andando a gravare eccessivamente sulla città di Novara. La nostra non è stata una crociata razzista, non siamo contro i profughi, ma vogliamo garantire certi livelli di decoro, sicurezza e vivibilità alla città per renderla attrattiva e competitiva per turisti e investitori. E il prefetto, in questo, ci ha dato ragione, tanto che i nuovi bandi che partiranno nei prossimi mesi escludono la città di Novara. Per quanto riguarda i minori stranieri non accompagnati, che sono più di 70, abbiamo attivato una serie di misure, con l'apertura del dormitorio e di struttura a bassa soglia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Coronavirus: in Piemonte mascherine obbligatorie anche all'aperto per il ponte del 2 giugno

  • Coronavirus, dal 3 giugno niente più mascherina obbligatoria all'aperto in Piemonte

  • Le spiagge più belle del Lago D'orta

  • Tragedia a Romagnano Sesia, 22enne annegato nel Sesia

  • Domodossola: addio alla pianista Alice Severi, ex bambina prodigio della musica

Torna su
NovaraToday è in caricamento