Novara, festa di benvenuto al Maggiore per la nuova responsabile dell'Oncologia pediatrica

Ad organizzarla, l'Ugi: "Per noi si tratta di un evento che attendevamo da tempo"

La festa organizzata da Ugi Novara

Il 1° novembre ha preso servizio all’Aou di Novara, presso la Scdu Pediatria diretta dal prof. Luigi Maiuri, la dott.ssa Eleonora Basso, responsabile del centro Spoke di oncoematologia pediatrica, dopo che dal 2013 se ne occupava prima in libera professione e poi in seguito a un accordo tra la Città della Salute di Torino e l’Aou di Novara.

"Si tratta di dare impulso a un servizio che segue complessivamente 190 bambini e ragazzi - afferma - In questo modo non sarà più necessario che i genitori portino i loro figli a Torino, con tutti i disagi del caso. Oppure che si rivolgano a centri di altre Regioni".

I centri Spoke, infatti, rispondono al bisogno dei pazienti di poter beneficiare di trattamenti terapeutici e di supporto e di poter soddisfare altri bisogni (scuola, attività ludiche e di socializzazione) in Strutture che siano più vicine possibile al loro domicilio.

Il direttore generale dell’azienda ospedaliero-universitaria di Novara, il dott. Mario Minola, sottolinea "il profilo di alto livello della dott.ssa Basso, che si è formata all’ospedale torinese 'Regina Margherita', uno dei centri d’avanguardia in Italia per l’oncologia pediatrica. L’azienda la ringrazia anche per la sua scelta di vita che l’ha portata a Novara".

Per dare il benvenuto alla dott.ssa Basso l’Ugi (Unione genitori italiani) ha organizzato una piccola festa a sopresa: "Per noi si tratta di un evento che attendevamo da tempo - spiegano il presidente, Andrea Locarni, e la segretaria Francesca Peraldo - Si realizza un sogno che coltivavamo da tempo e dobbiamo ringraziare per questo la direzione generale dell’Aou. Inoltre grazie ad un progetto parallelo della Fondazione Tempia, la dottoressa Basso è affiancata da altre due dottoresse".

La stessa Ugi ha contribuito a suo tempo alla realizzazione di una stanza a bassa carica batterica per proteggere maggiormente i pazienti immunocompromessi, post cicli chemioterapici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mercatone Uno: asta per i prodotti rimasti nei negozi, come funziona e dove fare l'offerta

  • Guida Michelin: 5 i ristoranti stellati nel novarese, 3 nel Vco

  • Polo logistico di Trecate: aperte cinque nuove posizioni lavoratorive

  • Borgomanero, beffati dall'agenzia di viaggi: prenotano e pagano una vacanza in Cina, ma viene annullata

  • Meteo, grandinata fuori stagione: strade imbiancate e forti temporali nel novarese

  • Incidente a San Nazzaro, schianto fra due auto: tre feriti, uno grave

Torna su
NovaraToday è in caricamento