Domenica, 17 Ottobre 2021
social

Alto Piemonte: Blockchain e QR Code per promuovere l'enoturismo

Dieci cantine e trenta vini selezionati come ambasciatori del territorio, attraverso l'uso di etichette digitali e della tecnologia Blockchain

Turismo, vino e tecnologia. Sono queste le tre parole al centro del progetto lanciato dal consorzio Alto Piemonte Turismo, in accordo con il Consorzio Tutela Nebbioli Alto
Piemonte e con il contributo della Regione Piemonte.

Il progetto, unico nel suo genere, nasce dalla partnership con QualityChain, una startup svizzera fondata da tre ragazzi italiani, che ha sviluppato una piattaforma che racconta la storia dei prodotti agroalimentari tramite un’etichetta digitale, alla quale il consumatore può accedere scansionando un QR Code apposto sul packaging.

La collaborazione ha un obiettivo molto semplice: promuovere le attrattive turistiche del territorio tramite i suoi stessi prodotti tipici. Per questo sono state coinvolte nel progetto dieci cantine, ciascuna delle quali ha messo a disposizione tre dei suoi vini, che sono stati dotati di speciali QR code che ne raccontano la storia in oltre 36 lingue: come sono stati prodotti, su quali valori si basano e quali sono le caratteristiche che li rendono unici. In più, in ogni etichetta digitale è presente la promozione di un’attività turistica sul territorio dell’Alto Piemonte: dalla visita alla cantina stessa a vari pacchetti legati ad altre attività outdoor e indoor.

In questo modo i vini sono stati trasformati in veri e propri ambasciatori del territorio, capaci di portare il turista dal ristorante alla cantina e al resto delle bellezze del territorio. Il consumatore diventa inoltre più consapevole del vino nel suo bicchiere, scoprendo dettagli che rendono ancora più ricca l’esperienza di degustazione. Ogni dettaglio è infine registrato tramite la tecnologia blockchain, che rende le informazioni sicure, indelebili e sempre verificabili dal consumatore.

"Convertire il prodotto d’eccellenza al ruolo di ambasciatore del territorio - afferma il coordinatore di Alto Piemonte Turismo Dario Bertoli - è un’idea semplice quanto efficace.
Immaginiamo migliaia di bottiglie dei pregiati vini alto piemontesi che raccontano le nostre colline, i laghi, le città, le montagne con una tecnologia alla portata di ogni smartphone e si trasformano in piccoli cataloghi di destinazione: grazie a Quality Chain questo è stato possibile in poche settimane."

QualityChain aiuta le PMI del comparto agroalimentare italiano a trasformare i loro prodotti da semplici oggetti in esposizione a vere e proprie esperienze digitali capaci di esaltare la loro l’unicità. QualityChain è uno spazio trasparente, a portata di smartphone, in cui condividere con i consumatori la storia e i valori dei piccoli produttori italiani, una vetrina da cui osservare le mani sapienti che lavorano la terra, il vino, il pane, e tutto ciò che di buono producono le nostre aziende.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alto Piemonte: Blockchain e QR Code per promuovere l'enoturismo

NovaraToday è in caricamento