Domenica, 17 Ottobre 2021
social

Arriva la prima Big Bench del Lago Maggiore

Posizionata a Trarego, gode di una vista eccezionale sul lago

La prima panchina gigante del Lago Maggiore approda a Trarego Viggiona, esattamente su un pianoro panoramico lungo il sentiero R42 che collega il borgo di Cheglio (Trarego) al Monte Carza, da cui si gode di una vista eccezionale sul lago. 

L'opera, chiamata "Grande Panchina del Lago Maggiore", è alta due metri e larga tre. Il colore scelto per la seduta è il giallo, simbolo di rinascita, che emerge sul grigio della struttura.

La Big Bench è stata finanziata dai gestori del Grotto Carza e Wonderwood con la collaborazione di numerose realtà locali: Mc Siviero Srl di Gravellona Toce, che non solo ha donato il materiale necessario (circa 200 kg), ma si è occupata dell’intera realizzazione della struttura in acciaio; l'associazione "I Dragoni", che ha realizzato le fondazioni donando il materiale necessario; l'amministrazione comunale di Trarego Viggiona, che si è occupata della verniciatura delle grandi tavole in legno che compongono la seduta; la Pro Loco di Trarego Viggiona, che ha coordinato le attività e finanziato i cartelli indicatori installati sul territorio.

Il circuito delle Big Bench dell'Alto Piemonte, che aveva da poco incluso la panchina di Barengo, si amplia ed è pronto ad accogliere gli appassionati in un itinerario ricco di paesaggi diversi. 

Come raggiungere la panchina gigante? 

In auto è possibile parcheggiare nell’area di sosta del Monte Carza lungo la Sp92 Trarego-Piancavallo, oppure per gli ospiti del Grotto Carza e Wonderwood nel parcheggio del ristorante, si prosegue quindi a piedi verso la cima del Monte Carza e poi si seguono le indicazioni presenti.

A piedi, da Trarego, si raggiunge la località Büri del borgo di Cheglio e poi si seguono le indicazioni del sentiero R42 (appena ripulito e sistemato dal Comune di Trarego Viggiona) con direzione Monte Carza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva la prima Big Bench del Lago Maggiore

NovaraToday è in caricamento