Giovedì gnocchi: le ricette della tradizione a base di zucca

La zucca, regina della cucina autunnale, declinata in due squisite versioni di gnocchi, scopriamole insieme

Foto di repertorio

Gli gnocchi sono forse il modo migliore per gustare la zucca e tutta la sua dolcezza. Per di più, oggi è giovedì e gli gnocchi non possono proprio mancare!

Ma prima di scoprire insieme le due ricette del territorio a base di zucca, sapete da dove nasce il modo di dire "giovedì gnocchi"?

Il detto popolare da cui deriva questa espressione è "Giovedì gnocchi, venerdì pesce e sabato trippa", diffuso fra le famiglie più povere durante il primo dopoguerra che, a causa della mancanza di cibo, scandivano le regole alimentari della settimana. Il proverbio consiglia di fare un pasto abbondante, gli gnocchi appunto, per affrontare il digiuno di carne religioso del venerdì.

Gnocchi di zucca

Ingredienti per 4 persone

1 kg di zucca gialla
200 g circa di farina
1 albume
Burro
Sale

Procedimento

Lessate in acqua leggermente salata la polpa della zucca per venti minuti abbondanti. Schiacchiatela con la forchetta, oppure passatela al mulinetto. Impastare il purè con la farina e l'albume dell'uovo. L'impasto è pronto quando alla superficie si formano delle bolle. Il composto deve risultare morbido. Con l'aiuto di due cucchiai, formate gli gnocchi e fateli cadere direttamente in abbondante acqua salata immergendone pochi alla volta. Quando vengono a galla sono cotti, levateli delicatamente con la schiumarola e conditeli con burro fuso e formaggio grattuggiato o con salsa di pomodoro.

Gnocchi all'ossolana

Ingredienti per 4 persone

400 g di zucca ben matura
500 g di patate
150 g di farina di castagne
150 g di farina di grano
2 tuorli
Poco pan grattato
Noce moscata
Sale e pepe

Procedimento

Tagliate la zucca a spicchi e, senza sbucciarla, privatela dei semi e dei filamenti e sistemateli in una teglia con la buccia in basso. Mettela nel forno a 180° e lasciate cuocere per circa un’ora fino a quando sarà tenera. Lessate le patate con la buccia in acqua salata inizialmente fredda. Una volta pronte, pelatele , passatele allo schiacciapatate e fatele raffreddare. Quando la zucca è cotta, lasciatela raffreddare, sbucciatela e passatela al passaverdure con il disco fine. Setacciate le due farina sulla spianatoia, fate la fontana e mettetevi la zucca, le patate, i tuorli, una grattata di noce moscata, una macinata di pepe e un pizzico di sale. Impastate il tutto, e se il composto si attacca alle mani, unite uno o due cucchiai di pangrattato. Quando l’impasto sarà diventato liscio e omogeneo, staccatene un pezzo e, rotolandolo con le mani sulla spianatoia infarinata, formate un lungo rotolino del diametro di circa un cm. Ritagliate dei pezzetti di un paio di cm e rotolateli sulla spianatoia infarinata. Formate una piccola scanalatura in ogni gnocco passandolo sui rebbi della forchetta. Lessateli in abbondante acqua salata in ebollizione e, appena vengono a galla, tirateli su con la schiumarola e passateli in una padella dove avrete fatto rosolare il burro e qualche foglia di salvia. Saltateli un paio di minuti e completate il condimento con il formaggio grattugiato. Il condimento più tipico, e più gustoso, per questi gnocchi è un sugo composto da funghi trifolati e panna. [Fonte www.gamberorosso.it]

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Coronavirus, nuova ordinanza del ministro Speranza: il Piemonte passa in zona arancione

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

  • Nuovo Dpcm Natale 2020: le regole allo studio per pranzi, cene e parenti

  • Bambino di 4 anni colpito al volto dal calcio di un cavallo

Torna su
NovaraToday è in caricamento