Natale a Km 0: le idee da gustare per un regalo locale

Mai come in questo momento è fondamentale supportare le realtà locali, e perché non farlo proprio attraverso i nostri regali di Natale. Ecco qualche idea gustosa tutta locale

Foto di repertorio

Stanchi di regalare la solita inutile oggettistica? Questo è l'anno giusto per cambiare direzione ai vostri regali di Natale e puntare su un'alternativa locale. Ecco qualche idea gustosa, magari da combinare in un box enogastronomico a km 0.

Vino e birra

La varietà del terroir delle Colline Novaresi è così ricca da rendere ardua la scelta di una buona bottiglia da regalare. Oltre al Boca, Fara, Ghemme e Sizzano, i vini più storici ed importanti, ogni cantina possiede una produzione di etichette che non possono essere considerate Doc o Docg, ma che con il loro sapore raccontano molto bene il nostro territorio. 

Il novarese è poi luogo di fioritura di numerosi birrifici artigianali, alcuni dei quali producono birre a base di riso, un altro prodotto cardine della tradizione enogastronomica.

Riso e polenta

Impossibile realizzare una confezione natalizia senza inserire il nostro riso di altissima qualità, dal classico Carnaroli, a varietà meno note come il Razza 77. 

Insieme al riso non può mancare un'altra preparazione tipicamente invernale, la polenta. Da quella gialla, alla taragna, fino ad arrivare alla polenta di Beura, una farina di mais integrale macinata a pietra in maniera tradizionale e tipica dell'Ossola. 

Salumi e formaggi

Dal salame della Duja, al salame d'oca, fino alla mortadella di fegato e al prosciutto crudo ossolano, tante sono le aziende agricole e le salumerie artigianali che producono i salumi più tipici. Da abbinare, ovviamente, a un bel gorgonzola o a una bella fetta di toma, tipica sia della vicina Valsesia, sia delle valli ossolane.

Miele e dolci

Il novarese è poi un territorio altamente vocato alla produzione di miele artigianale e di elevata qualità, ideale sia come accompagnamento per i formaggi, sia da gustare insieme a the e tisane. Sono moltissimi gli apicoltori in zona, alcuni di loro nomadi, così come sono molte le varietà di miele prodotte. 

E per concludere, una nota dolce. Tra i Biscotti di Novara, i Brutti ma buoni, i Baci di Fara e le Margheritine di Stresa la scelta è davvero difficile. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Coronavirus, cinque decessi tra Novara e Borgomanero: i ricoverati in provincia sono 354

  • Ahmadreza Djalali, si avvicina la pena di morte per il ricercatore novarese detenuto in Iran

Torna su
NovaraToday è in caricamento