← Tutte le segnalazioni

Altro

Esercito Italiano e Croce Rossa: "Abbiamo portato un sorriso e la speranza a chi ne aveva bisogno"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Una cerimonia sobria, come la situazione che il Paese sta vivendo impone, ma non per questo meno ricca di emozioni e di un alto valore simbolico. Lunedi 15 giugno, alla Caserma Scalise di Vercelli, sede del Reggimento di Artiglieria a Cavallo "Voloire" (fondato nel 1831) un momento celebrativo, con lo scambio di attestati e della medaglia commemorativa del Reggimento, ha sancito la collaborazione che negli ultimi mesi ha visto impegnati gli uomini e le donne di Esercito e Croce Rossa Italiana. Alla presenza del Comandante del Reggimento Christian Ingala, del Presidente Cri Vercelli Mauro Olivero, i saluti di rito hanno lasciato posto all’emozione di questi giovani che servono il Paese con grande impegno e dedizione. Giovani uomini e donne come Lorenzo Leporace caporalmaggiore scelto e Cristina Panetta caporale, (militari in ferma prefissata di 1 anno, 4 anni, servizio permanente, accanto ai volontari Cri), hanno saputo nell’emergenza attivare in sinergia le proprie competenze professionali ed umane, creando una collaborazione dedicata al sostegno di famiglie e persone in difficoltà a causa della pandemia da Coronavirus. Il servizio Pronto Spesa e Pronto Farmaco per gli oltre due mesi di emergenza, ha garantito 2500 consegne a domicilio di prodotti alimentari e farmaceutici, vestiti e generi di prima necessità a persone in difficoltà non soltanto economica ma spesso logistica. Soggetti spesso soli, impossibilitati ad uscire ma senza la possibilità di essere aiutate a domicilio. Ecco che l’Esercito Italiano ha risposto prontamente alla chiamata del Presidente Olivero, garantendo tutti i giorni, dalle 8 alle 17, non soltanto la consegna dei beni ma un supporto, una presenza tangibile dello Stato, rappresentata da quelle divise, da quei volti giovani che portavano aiuto e tanti, tanti sorrisi. Ricambiati in pieno da chi vedeva arrivare le camionette verdi, le due squadre dell’Esercito accanto ai 30 volontari Croce Rossa, coordinati questi ultimi da Silvia Rossetti. Molti i momenti emozionanti, le lacrime che hanno rigato i volti di tante persone sole che sono state aiutate da questi “angeli in divisa”. Non soltanto Vercelli, ma altre località hanno beneficiato dal progetto: Trino, Santhià, Gattinara, Varallo e Tricerro. Grazie ad una staffetta con la Cri di Beinasco, sono state aiutate famiglie anche nella provincia di Torino e Novara. "Un aiuto fondamentale, la staffetta" per garantire a molti ammalati un cambio di biancheria che magari veniva inviato da parenti residenti in altra provincia e che soltanto grazie ai mezzi militari e di Croce Rossa è stato possibile consegnare. Come ricorda Olivero, Presidente di Cri Vercelli, “l’aiuto degli uomini e delle donne della "Voloire" è stato il fattore determinante che ci ha consentito di raddoppiare la nostra capacità di intervento sul territorio”. I numeri dell’emergenza davvero impressionante avrebbero fatto accumulare ritardi nelle consegne. "Invece grazie all’Esercito siamo stati capaci, tutti insieme, di garantire le consegne in giornata o al massimo il mattino seguente". Lavorare fianco a fianco in una situazione così delicata, oltre a garantire un profilo professionale di altissimo livello a tutti i partecipanti, ha fatto nascere esperienze umane appaganti sotto molti profili. Le parole del Comandante Ingala confermano la grande capacità di intervento rapido del "suo Reggimento: abbiamo accolto subito la richiesta di aiuto della Croce Rossa; la nostra preparazione accanto all’esperienza vissuta ci farà crescere, darà a questi ragazzi un ulteriore bagaglio professionale, sarà un momento che rimarrà nella nostra memoria. Siamo soprattutto onorati di aver aiutato la Croce Rossa, la città che ci ospita ed i cittadini che ne hanno avuto necessità". E non poteva esserci giorno più bello per la consegna degli attestati, cadendo proprio il 15 giugno la festa dell’Artiglieria. Si festeggia nel 2020 il 102° anniversario, che celebra i fatti d’arme che la videro protagonista tra il 15 ed il 23 giugno 1918: con un’intelligente e coraggiosa azione l’Artiglieria anticipò l’attacco dell’esercito austro-ungarico, colpendo con precisione le aree vitali avversarie diventando determinante per la vittoria della 2 Battaglia del Piave, la prima conseguita nel 1918 da un esercito dell’Intesa, preludendo alla fine della guerra ed al completamento dell’Unità Nazionale.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento