rotate-mobile
Sport

Bluenergy: continua la striscia positiva per la società novarese

Il 2012 è iniziato nel migliore dei modi per la Bluenergy. Con quella contro la Named Crocetta diventano tre le vittorie consecutive per i novaresi che così si assestano al terzo posto in classifica

Il 2012 è iniziato nel migliore dei modi per la Bluenergy.

Con la vittoria contro la Named Crocetta, la terza consecutiva per i ragazzi di Mortanti, i novaresi si assestano al terzo posto in classifica. La gara contro i torinesi si è chiusa in realtà in poco più di 5 minuti, anche se i novaresi sono stati bravi a non calare mai, a mantenere sempre alta la tensione che poi ha portato al 93-70 finale.

Novara comincia con Degiovanni, Negri, Ceper, Giroldi e Prestini; la Named risponde con Ceccarelli, Menzio, Campanelli, Riviezzo e Tomatis.

In quattro minuti la Bluenergy si porta avanti di 12 punti con delle ottime soluzioni in transizione e con un Degiovanni in gran spolvero dai 6,75 (per lui 20 punti alla fine con il 56% da tre punti). A metà del quarto il vantaggio sale a 15, grazie a anche alla difesa che lascia la Named a soli 9 punti segnati. Gran parte del divario è costruito qui dai novaresi. Il quarto si chiude con la Bluenergy che doppia praticamente Torino, ma soprattutto con una buona fluidità di gioco da parte dei novaresi.

In due minuti e mezzo Novara segna solo 5 punti, di cui 3 del solito Degiovanni: rientrati in campo la Bluenergy è ferma sulle gambe, ma la Named non arriva a meno di 12 lunghezze di svantaggio. Crocetta si affida alle soluzioni dei singoli, mentre Novara cerca più la coralità. A parte qualche disattenzione (la palla non fatta girare velocemente in attacco) la Bluenergy trova soluzioni diverse e ben costruite che le permettono di chiudere il quarto a +14 (53-39).

Al rientro dal riposo lungo Novara comincia con una buona energia e si porta in 3’ a +24 (63-39). Torino si mette a zona e quando riesce a fermare il contropiede novarese per la Bluenergy sorge qualche difficoltà ad attaccarla. Nonostante i 24 punti di vantaggio la Bluenergy continua a soffrire la zona torinese compresi gli accenni di pressing, che più di una volta costringono i padroni di casa a tiri non lucidi. La Named arriva a -19 alla fine del terzo quarto, con qualche buona palla recuperata (72-53).

All’inizio dell’ultima frazione Novara agisce solo per linee esterne prendendo soluzioni dalla distanza, che però non danno i risultati sperati. Con il passare dei minuti la Bluenergy ragiona e anche la zona non fa più paura, a questo si aggiungono i contropiedi che danno il +27 al 4’ dalla fine. Negli ultimi minuti c’è spazio anche per l’esordio stagionale di Rivaroli. La partita si chiude 93-70, con una Bluenergy buona, ma non perfetta.

E’ stata senza dubbio una buona vittoria considerando che è un campionato molto equilibrato e che il vantaggio è stato di 23 punti - ha commentato il coach Morganti a fine gara -. Certo non sono contento di come abbiamo attaccato la zona, ma questa era una gara che io temevo tantissimo perché è una di quelle gare che sulla carta possono sembrare semplici ma che poi alla fine non si rivelano tali. Abbiamo ancora qualche limite tecnico nell’attacco a questo tipo di difesa, ma da qui alla fine del campionato dovremo sicuramente migliorare”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bluenergy: continua la striscia positiva per la società novarese

NovaraToday è in caricamento