Calcio

Rg Ticino, lo scotto di essere tra i "grandi". Presta: "Testa bassa e lavorare"

L'Rg Ticino ha assaggiato la Serie D nella trasferta di Novara persa per 3-0 in Coppa Italia. Il Presidente Presta traccia la strada per l'immediato futuro

L'Rg Ticino cade sul campo del Novara e fa subito i conti con la grandezza della Serie D. Naturale per i ragazzi di Celestini accusare il salto di categoria, nel match di Coppa Italia, sopratutto con di fronte l'attrezzata squadra guidata da Marchionni. Un po' come passare da un'utilitaria a una super sportiva, lo scotto iniziale da pagare è piuttosto ovvio. I verdegranata sono tuttavia attrezzati, forti di un mercato importante, per poter dire la loro durante il campionato, che avrà per loro il via domenica a Casale Monferrato. 

Ai microfoni del sito ufficiale, il presidente della società Presta ha analizzato i 90 minuti di ieri: "Penso che il risultato non rispecchi appieno quello che si è visto sul campo. Abbiamo tenuto molto bene fino al gol annullato, dopo di che ci siamo sbilanciati e la somma di atteggiamenti sbagliati ed errori individuali hanno portato a un passivo pesante. Le assenze di elementi importanti nella formazione si sono sentite e dall’altra parte trovare giocatori del calibro di Bergamelli e Gonzalez ha dato ancora più rilevanza agli errori commessi".

Lo stesso patron traccia poi la strada da perseguire per l'immediato futuro: "Quello che di positivo abbiamo ricavato in questa partita ci servirà come monito a dare il 110% in ogni incontro, non possiamo permetterci di regalare più nulla. Adesso, testa bassa e si lavora per il Campionato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rg Ticino, lo scotto di essere tra i "grandi". Presta: "Testa bassa e lavorare"

NovaraToday è in caricamento