rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Sport Cressa

Cressa: un altro pezzo di storia del calcio che se ne va

A Vicenza è stato dato l'ultimo saluto a Giulio Savoini, 84 anni, terzino originario di Cressa che giocò nell'Alessandria e poi divenne celebre con la mitica maglia del Lanerossi Vicenza collezionando 317 presenze

Il Vicenza Calcio ha ritirato la maglia numero 3, quella che indosso dal 1953 al 1966 Giulio Savoini.
Il terzino nato a Cressa il 28 settembre 1930, è morto all'età di 84 anni lo scorso sabato notte 25 luglio e ieri, martedì 28, ne sono stati celebrati i funerali nella cattedrale palladiana.

Da calciatore mosse i primi passi nel mondo del calcio professionistico con i grigi dell'Alessandria esordendo in serie B nel campionato 1949-50, ma fu un'annata sfortunata perchè la squadra retrocesse in serie C. Al Moccagatta vi giocò per altri tre campionati ottenendo la promozione nell'ultimo per complessive 110 presenze e 36 reti con il club piemontese.

Nel 1953 arrivò al Lanerossi Vicenza qualche mese dopo la fusione del club biancorosso con il colosso laniero di Schio. Da quel giorno Savoini legò il suo nome ai colori vicentini disputando 13 campionati di fila, di cui 12 in serie A collezionando in totale in biancorosso 317 presenze e 34 reti. Squadra di cui ne fu anche allenatore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cressa: un altro pezzo di storia del calcio che se ne va

NovaraToday è in caricamento