Igor Volley, il derby è amaro: vince Chieri in rimonta 3-2

Troppi gli errori commessi dalle azzurre, che vedono allontanarsi ulteriormente la vetta, ma guadagnano un punto su Scandicci

Derby amaro per la Igor Volley di Massimo Barbolini, sconfitta in rimonta per 3-2 da Chieri trascinata da Silva. Troppi gli errori commessi dalle azzurre, che vedono allontanarsi ulteriormente la vetta (7 punti il distacco con Conegliano) ma guadagnano un punto su Scandicci, terza forza.

Sinibaldi sceglie Silva opposta a Poulter, Akrari e Middleborn centrali, Angelina e Perinelli schiacciatrici e Bresciani libero; Barbolini risponde con Carlini in regia ed Egonu in diagonale, Chirichella e Veljkovic al centro, Plak e Bartsch-Hackley in banda e Sansonna libero.

Chieri parte forte con due ace di Silva (8-5), Plak ricuce lo strappo in diagonale (9-9) e innesca un testa a testa con inerzia prima azzurra (muro di Egonu, 11-12) e poi delle padrone di casa (ace di Angelina, 14-13). Bartsch-Hackley fa il break in pipe (18-20), Perinelli rientra con la diagonale del 21-21 ma sul 22-23 (ancora Bartsch-Hackley) Nizetich entra e chiude i conti con due ace (22-25).

Novara aumenta il ritmo e sfrutta il turno in battuta di Egonu (due ace per lei, 2-8) per fare subito il break, con Chieri che rientra con due muri di Poulter (10-13) e Middleborn (11-13) su Plak e Veljkovic. Ancora un ace di Egonu (13-16), Bartsch-Hackley fa 15-19 e Sinibaldi ferma il gioco, poi Veljkovic va a segno a muro e in primo tempo (17-22); Chieri si aggrappa a Silva (19-22), poi Novara accelera e chiude ancora 22-25 con un errore in battuta di Angelina.

Dopo un break di Chieri (4-1), Novara rientra e fa 6-6 con l’ace di Chirichella con il punto a punto successivo spezzato proprio da una fast della centrale napoletana sull’11-13. Middleborn ricuce lo strappo (13-13), Egonu e Bartsch-Hackley sbagliano in attacco (17-15) mentre Novara ribalta l’inerzia del set e si porta 20-21 con l’errore di Perinelli dopo una gran difesa di Plak; l’olandese si divora poi la palla del 20-22 e gli errori di Egonu e Piccinini lanciano le torinesi sul 24-21, con Silva che chiude il set in maniout (25-21).

Novara riparte con Stufi e Piccinini (già subentrate nel set precedente) in sestetto, Chieri si affida a Perinelli (2-1, poi 4-3) e la solita Silva propizia il break dell’8-6 con il turno in battuta di Angelina che porta lo score sull’11-7. Egonu (muro) e Veljkovic (primo tempo) riaprono il set sul 13-13, Angelina torna in battuta sul 17-16 e propizia il 20-16 che di fatto chiude in anticipo il parziale: Novara non reagisce più e un altro errore di Egonu vale il 25-19.

Il tie-break è un lunghissimo testa a testa, Veljkovic fa 3-3 in primo tempo, Akrari (ace, 5-4) e Silva (7-6, poi 8-7 in diagonale) tengono avanti le padrone di casa al cambio campo, Bartsch-Hackley non molla (8-8) ma sul 10-10 arriva il break decisivo: Egonu si fa murare da Middleborn (12-10), poi si riscatta con due punti (13-12) ma è tardi: Chieri chiude 15-13 con Middleborn e fa 3-2.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco "vola" con l'auto sopra una rotonda e finisce in un'aiuola davanti alla caserma dei carabinieri

  • Operazione interforze in stazione: chiuso un bar dopo il tentato omicidio, controllate 125 persone

  • Le Frecce Tricolori su Novara: il decollo da Cameri della pattuglia acrobatica

  • Incidente a Mandello, perde il controllo del suv e si incastra in un canale

  • Presa la "banda del buco", specializzata in svaligiare banche: aveva la base a Novara

  • Cosa fare in città: tutti gli appuntamenti del fine settimana del 12 e 13 ottobre

Torna su
NovaraToday è in caricamento