Sport

Igor Volley, grande vittoria in Champions League: ne basta solo un'altra per passare il turno

La squadra di Lavarini ha battuto 3-1 Kazan e oggi gioca contro Olomouc

Igor Volley Novara

Una vittoria per passare il turno. Il ritorno in Champions League per la Igor Volley Novara è dolcissimo: battuta Kazan 3-1 con Sansonna nominata Mvp. Oggi, mercoledì 3 febbraio, l'appuntamento con Olomouc, sempre alle 17.30: la vittoria garantierebbe alle novaresi il passaggio del turno. E poi c'è ancora una partita, alle 20.30 giovedì 4 febbraio, contro le padrone di casa di Police.

Una vittoria questo pomeriggio porterebbe la Igor a giocare con serenità l'ultima sfida che in caso di vittoria garantirebbe anche la vetta del girone. In caso contrario, ossia sconfitta di oggi, con Police sarà gara chiave.

La partita con Kazan

Igor in campo con Smarzek opposta a Hancock, Bonifacio e Washington centrali, Herbots e Bosetti schiacciatrici e Sansonna libero; Kazan con Startseva in regia e Fabris in diagonale, Koroleva e Konovalova al centro, Bricio e Fedorovtseva in banda e Podkopaeva libero.

Novara accelera subito a muro con Washington (6-4), sfruttando poi la vena di Bosetti (8-5) e Smarzek per portarsi 12-9, prima che ancora Bosetti concretizzi una gran difesa di Bonifacio per il +4. Sul 18-13, dopo il timeout di Kazan, le russe provano la riscossa e si portano prima 21-19 con Fabris a segno in diagonale e poi 21-21 con un muro di Fabris e un errore azzurro; Novara scatta di nuovo con Daalderop, appena entrata, (23-21), il nastro favorisce il sorpasso di Kazan sul servizio di Koroleva (23-24) e ai vantaggi la spunta Novara, 30-28, con il muro decisivo di Herbots.

Kazan riparte forte (1-4) e Lavarini ferma subito il gioco, Smarzek con due punti in fila firma il sorpasso (5-4) e innesca un testa a testa rotto solo sul 14-14, quando Kazan “pesca” il jolly con l’ingresso di Popova in battuta. E’ lei a propiziare lo 0-5 (14-19) che di fatto indirizza il set, con le russe che tengono le distanze fino al 18-23; Herbots trova l’ace del 20-23, Washington quello del 22-24 ma Bricio chiude i conti in maniout (22-25)

Novara riparte con Chirichella (subentrata nel set precedente) in sestetto, mentre il match prosegue sul testa a testa (5-5, poi 8-6 con due muri azzurri su Fabris) che vede le russe passare in vantaggio per la prima volta sul 10-11, per poi allungare 12-14. Lavarini inserisce Daalderop, Herbots pareggia concretizzando due gran difese di Sansonna (premiata con merito MVP del match) sul 14-14 ma Kazan torna avanti 16-18 con la pipe di Bricio. Daalderop accorcia (18-19), Bosetti sorpassa con una magia in maniout (20-19) e l’ace di Washington regala il break alle azzurre (22-20) con Daalderop che conquista il set ball in diagonale (24-22). Kazan ferma il gioco ma al rientro in campo Novara si esalta in difesa e ancora Daalderop fa 25-22 in maniout.

Spalle al muro, Kazan alza ulteriormente l’asticella e va subito 3-6 con il muro di Koroleva e poi 4-8 con la neoentrata Kadochkina a segno in diagonale. Novara non perde il ritmo, Bosetti e Chirichella, con un gran muro, accorciano sull’8-9 e poco dopo è Smarzek, ancora a muro, a impattare a quota 11; Herbots e Kadochkina duellano (16-16), la belga chiude in pipe uno scambio combattuto (18-16) e poco dopo arriva il break decisivo: sul 18-18, Bosetti fa break murando Kadochkina (20-18) e Smarzek prolunga con due punti in serie per il 22-18. Kazan non rientra più, ancora due punti di Smarzek per il 24-20 e poi è Washington a chiudere a rete dopo un gran servizio della neoentrata Populini.  

Le parole del tecnico Lavarini: "Siamo molto contenti, abbiamo disputato un'ottima prestazione e non era facile perché Kazan è cresciuta molto rispetto alla pool precedente, alzando di molto il ritmo. Abbiamo avuto la capacità di rimanere sempre in partita, di aspettare le nostre avversarie nei momenti delicati e di chiudere a nostro favore le fasi decisive di ciascun set. E' un bel passo in avanti ma è fondamentale tenere bene a mente che ne servono altri per raggiungere il nostro obiettivo, cioè la qualificazione".

Igor Gorgonzola Novara - Dinamo-Ak Bars Kazan 3-1 (30-28, 22-25, 25-22, 25-20)
Igor Gorgonzola Novara
: Populini, Herbots 15, Napodano (L) ne, Zanette ne, Battistoni, Bosetti 16, Chirichella 5, Sansonna (L), Hancock 3, Bonifacio 2, Tajè ne, Washington 13, Smarzek 18, Daalderop 6. All. Lavarini.
Dinamo-Ak Bars Kazan: Podkopaeva (L), Biryukova ne, Maryukhnich ne, Koroleva 12, Kotikova, Popova, Fabris 19, Bricio 14, Startseva 3, Fedorovtseva 19, Kadochkina 6, Konovalova 1. All. Gilyazutdinov.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Igor Volley, grande vittoria in Champions League: ne basta solo un'altra per passare il turno

NovaraToday è in caricamento