Igor Volley, Valentina Arrighetti completa il reparto centrale

Genovese, classe 1985 per 189 cm di altezza, Arrighetti fa della grinta e dell'esplosività in attacco e a muro la propria forza

Il nuovo acquisto giocherà al fianco delle confermate Cristina Chirichella e Stefana Veljkovic

Sarà l'esperta Valentina Arrighetti a completare il reparto centrale della Igor Volley, al fianco delle confermate Cristina Chirichella e Stefana Veljkovic. Genovese, classe 1985 per 189 cm di altezza, Arrighetti fa della grinta e dell'esplosività in attacco e a muro la propria forza.

La sua carriera è iniziata nel 2000 al Club Italia, con l'esordio da "pro" in A2 a Padova nel 2002 e quello nella massima serie tre anni più tardi, nel 2005, a Vicenza. La sua crescita costante la porta a vestire la maglia della nazionale (la sua prima competizione internazionale la disputa nel 2007, proprio con Massimo Barbolini alla guida, e le regala il bronzo nel World Grand Prix) e a vivere un quinquennio d'oro a Bergamo, in cui vince da protagonista uno Scudetto, una Coppa Italia, una Supercoppa e ben due Champions League consecutive (2009 e 2010). Contestualmente, con la nazionale, vince l'Europeo 2009, una Coppa del Mondo e una Grand Champions Cup. Poi un biennio a Busto Arsizio (con la vittoria della Supercoppa 2012), un'esperienza in Azerbaijan alla Lokomotiv Baku e il ritorno in Italia, a Conegliano, dove vince lo Scudetto 2016. Il passato più recente è fatto di due annate a Scandicci e di una, l'ultima, a Casalmaggiore.

"Valentina è un'atleta che non necessita di presentazioni - spiega il d.g. Enrico Marchioni - per quanto ha fatto nell'arco della sua lunga e vittoriosa carriera. Avevamo la necessità di un profilo come il suo, che coniugasse l'aspetto tecnico a quello caratteriale, di atteggiamento. Abbiamo voluto fortemente il suo arrivo in azzurro e ci aspettiamo che possa portare in campo tutta la grinta e la determinazione che possiede e, ne siamo convinti, questo rappresenterà un valore aggiunto importante per la squadra".

"Quella di giocare per una società e una squadra come Novara - commenta Arrighetti - è una scelta facile da compiere per un'atleta. Parliamo di una delle realtà storiche del nostro campionato, che da anni ormai lavora bene e ad altissimo livello e che è reduce da un trionfo europeo prestigioso. Sono presupposti importanti, così come la possibilità per me di lavorare con un tecnico che stimo in tutto e per tutto come Massimo Barbolini e questo in un contesto di squadra di alto livello. Mi aspetto una stagione importante, per ovvie ragioni non sarà facile fare meglio dello scorso anno, visti i risultati conseguiti, ma il contesto e la situazione sono tali da far pensare che si possa dare continuità ai traguardi degli ultimi anni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla scelta di vestire l'azzurro, poi, Arrighetti prosegue: "Dopo tanti anni mi ritrovo a giocare vicino casa, non mi era mai capitato da quando ero andata via per iniziare la mia carriera con il Club Italia e poi in serie A. Avere vicino la mia famiglia, a un'ora e mezza di distanza, mi fa piacere e in un certo senso mi farà sentire a casa anche a Novara. Non vedo l'ora di disputare le tante competizioni che ci aspettano, con un pensiero speciale per il Mondiale per Club: è una competizione che mi piace molto e che ho giocato una sola volta, senza riuscire a vincerla. Dunque sarà una sfida particolarmente affascinante".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mega incidente alle porte di Novara: scontro tra 7 auto, otto feriti

  • Novara, maxi rissa in piazza Martiri: volano sedie e bicchieri

  • Novara, forte temporale con grandine su città e provincia

  • Elezioni comunali ad Arona, Monti è il nuovo sindaco

  • Arona: ha un malore mentre è a scuola, morto studente di 17 anni

  • Novara, ragazzino cade dal muro dell'Allea e precipita per 7 metri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento