Oleggio Magic Basket, arriva Luca Pedrazzani

Arriva il pivot classe 1997 di 200 cm

Volto nuovo sotto canestro. L’Oleggio Magic Basket è lieta di annunciare l’arrivo di Luca Pedrazzani, pivot classe 1997 di 200 cm, lo scorso anno sempre in B a Vicenza. Pedrazzani, di Meina, rappresenta al meglio il progetto della società: offrire possibilità ad atleti del territorio dotati di talento e qualità. Non solo, Luca aveva già “assaporato” qualche anno fa l’ambiente biancorosso in fase di prestagione da giovane aggregato. La serie B è il suo campionato orami da qualche stagione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nato a a Borgomanero il 18 agosto, Luca inizia il suo percorso a 8 anni nell’Arona Basket dove compie
tutta la trafila di minibasket e settore giovanile; a 15 anni l’esordio in un campionato senior, sempre ad
Arona nell’allora C2, poi l’esperienza a Borgomanero in Under20 Dng e serie C1.
Nel 2017 l’approdo in serie B per esperienze di altissimo livello: la prima stagione indossa la maglia di
Barcellona Pozzo di Gotto e arriva in finale play off; nel 2018/2019 comincia la stagione a Crema per
poi trasferirsi a gennaio a Pescara: in Abruzzo Luca e compagni vincono il campionato di serie B. Nel
2019/2020 si trasferisce a Vicenza, dove gioca una parte di stagione e poi si ferma per un infortunio a
dicembre con l’idea di poter tornare in poco tempo in campo.
Le parole di coach Franco Passera: «Luca è un giocatore che mi piace molto, mi piacciono il suo essere
un agonista e il suo buttarsi su tutti i palloni. Lo abbiamo inseguito e osservato per un po’ di tempo,
siamo contenti che abbia scelto di sposare il nostro progetto».
Il neo Squalo: «Sono contentissimo di poter giocare a Oleggio il prossimo anno, è un ambiente che già
conosco perché nelle giovanili ho fatto qualche allenamento e un’amichevole con la prima squadra da
aggregato e mi sono trovato molto bene, per questo ringrazio la società per la fiducia. Essendo di
Meina poi mi piace molto l’idea di poter giocare vicino a casa così che la mia famiglia possa essere
presente. Il basket? Mi manca tantissimo, di fatto per un infortunio sono fermo da dicembre e mi
mancano allenamenti e partite, il calore del pubblico, tutte le sensazioni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, da lunedì 26 ottobre a Novara (di nuovo) niente più visite e ricoveri non urgenti

  • Coronavirus, coprifuoco in Piemonte dalle 23 alle 5: la nuova autocertificazione

  • Cambio dell'ora, torna quella solare: si dorme un'ora in più

  • Coronavirus, da lunedì anche in Piemonte coprifuoco dalle 23 alle 5

  • Coronavirus, Conte ha firmato il Dpcm: bar e ristoranti fino alle 18, chiuse palestre e piscine

  • Novara, due risse sabato sera: una in centro e una in viale Kennedy

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento