menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
piazza Motta

piazza Motta

Raccolti 7.500 euro alla prima pedalata in notturna "Orta – Mottarone"

Grande successo per la prima “Pedalata tra le stelle” in notturna la "Vittorio Adorni" che ha visto 200 partecipanti, 300 pasti consumati e 7.500 euro raccolti. La manifestazione è stata vinta da Stefano Luciani

Una serata di tempo clemente, l’entusiasmo dei partecipanti e l’accoglienza in vetta hanno soddisfatto atleti ed organizzatori.

7.500 euro è stata la cifra raccolta grazie all’evento, 3 mila dei quali sono stati ricavati dalle iscrizioni della manifestazione, 3 mila devoluti dal Rotary Club di Orta San Giulio, mille raccolti in occasione del 2° Campionato di Ciclismo Rotariano e 500 donati dal Bici Sport Mottarone Armeno.

L’intero importo è stato devoluto a CuoreAttivo per contribuire all’acquisto di tre differenti macchinari indispensabili per la produzione del pecorino, necessari per il Caseificio di Cupi (MC) per poter riprendere la regolare attività.

120 i pre-iscritti e circa 80 gli iscritti in loco, 50 società sportive rappresentate e tanti semplici appassionati di ciclismo. La pedalata era aperta a biciclette tradizionali ed elettriche, così da permettere a più persone di unirsi nella salita. Presenti anche atleti di fama internazionale, come gli ex professionisti italiani Giuseppe Tartaggia e Monica Brunati, oltre al pluripremiato triatleta del territorio Stefano Luciani.

Lo start è stato in piazza Motta, davanti allo striscione “Gianni c’è”, in memoria di Gianni Piola.

Tante piccole luci nella notte che hanno reso il tracciato ed il paesaggio ancora più suggestivi di quello che la generosa natura offre, percorrendo la strada che da Orta porta al Mottarone. Tante le persone a bordo strada pronte ad incitare i ciclisti, e folle di amici e sostenitori sia alla partenza in piazza Motta, dove molte persone hanno deciso di iscriversi alla manifestazione per dare il loro contributo alla causa pur non pedalando e anche tantissimi i simpatizzanti giunti in vetta, pronti a spronare e festeggiare i ciclisti che si susseguivano al traguardo. L’arrivo è stato  sotto l’arco gonfiabile montato per l’occasione.

Nessuna competizione, ma 4 riconoscimenti consegnati: al partecipante più giovane, Fabio Ramponi, 12 anni, di Armeno e tesserato MTB Omegna; al “veterano” Andrea Zegna, classe 1948, giunto da Biella per la manifestazione. La targa per il partecipante più lontano è andata a Enrico Guida, rotariano e grande amico della Fellowship del Ciclismo, è arrivato per partecipare direttamente da Roma. Il grande trofeo, “1° memorial Gianni Piola alla Memoria” destinato alla società sportiva iscritta con il maggior numero di atleti è stato vinto dai 22 partecipanti della società Cusio Cup.

Il più veloce nel tagliare il traguardo è stato Stefano Luciani, il triatleta di Borgomanero, che ha concluso i 18 km di distanza e 1145mt di dislivello, sotto l’ora.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, a Novara apre un nuovo centro vaccinale

Attualità

Coronavirus, da oggi Novara e il Piemonte in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento