Volley

Volley A1 femminile, la Igor Novara si illude per poi cedere a Conegliano nel big match

Per due set e mezzo le azzurre giocano praticamente alla pari con le campionesse uscenti che poi si aggiudicano l'ennesimo atto di questa sfida infinita. Martedì c'è la Champions

Il pronostico, e non potrebbe essere altrimenti, tendeva tutto dalla parte della Prosecco Doc Imoco Conegliano, che da inizio stagione sta mostrando una continuità incredibile e che era in pratica costretta a vincere per rimanere salda al comando della classifica, ed è stato fedelmente rispettato. Non senza rimpianti per la Igor Novara, che per due set e mezzo ha giocato alla pari con le campionesse d'Italia e del Mondo, cedendo poi di schianto negli ultimi due palesando le difficoltà già riscontrate in precedenza (22-25, 25-23, 25-19, 25-13). 

In un PalaVerde che ha fatto registrare il tutto esaurito le azzurre hanno dato per lunghi tratti l'impressione di poter portare a casa punti, ma le pantere, grazie soprattutto all'apporto di una superba Squarcini (13 punti, 7 aces e 4 muri il suo score), hanno approfittato come spesso fanno le grandi squadre di ogni singolo passaggio a vuoto della rivale portandosi a casa i tre punti.

Per Chirichella e compagne dunque un risultato troppo pesante per quello che hanno saputo mostrare, ma che le allontana anche dalle posizioni di immediato rincalzo quando mancano quattro turni alla conclusione della regular season. 

Ora bisognerà fare in fretta a riorganizzarsi: martedì si torna in campo a Stoccarda per l'andata dei quarti di Champions, domenica arriva al PalaIgor una Perugia desiderosa di strappare punti salvezza. In parole povere vietato distrarsi. 

LA PARTITA - Lavarini manda in campo Battistoni in regia e Karakurt in diagonale, Chirichella e Danesi al centro, Bosetti e Carcaces in banda e Fersino libero.

Novara è subito in palla al servizio (0-3), con Carcaces che sfrutta le occasioni per allungare (3-7). Risposta gialloblù con Haak e Gennari (5-7). Contrattacco vincente con Karakurt e nuovo allungo ospite (5-10). Time out richiesto da Santarelli che però non serve in quanto Karakurt realizza il 7-14. Conegliano stenta a carburare, ma riesce a riportarsi sotto con Haak e Robinson Cook (15-17). La prospettiva di una rimonta si materializza con Haak (18-19), ma sempre Karakurt regala tre set point alle azzurre. Un errore in batutta delle pantere chiude il primo set 21-25.

La replica delle padrone di casa è affidata ad Haak (12-9), poi Plummer arma il braccio ed 15-10. Le igorine sono determinate fino in fondo a rovinare la festa e con un muro di Chirichella accorciano decisamente (16-15). Ancora Haak decisiva (19-16) ma a scacciare gli incubi è Robinson Cook che a muro sigla il 21-16. Sul 24-20 sembra tutto finito ma non è così: Danesi trova un ace increbile, Chirichella ci mette il muro (24-23) ma Bosetti non è lucida per trasformare la palla dei vantaggi e il secondo set si conclude sul 25-23.

Protagonista dell'avvio del terzo gioco è Plummer (10-6), ma ancora una volta Conegliano deve subire il ritorno dell'avversario, con Karakurt che concretizza il sorpasso (12-13). Time out di Santarelli che inserisce Pericati che si fa subito trovare pronta e con Robinson ribalta subito il parziale (14-13). Qui in pratica la partita si avvia alla fine: il turno al servizio di Squarcini (4 ace) è devastante e fa scappare le pantere sul 23-14 (11-0 il parziale). Ancora Cook sigilla il set sul 25-19. 

Una serie del genere può smontare psicologicamente chiunque e Novara ne patisce gli effetti, facendosi stoppare a muro da Squarcini (10-5). La centrale di Pontedera è la mattatrice assoluta (ace per il 15-7), togliendo all'avversario ogni possibilità di recupero. La quarta frazione si chiude dunque sul 25-13. 

I COMMENTI POST GARA

Ilaria Battistoni (regista Igor Gorgonzola Novara): “Abbiamo iniziato il match con il giusto atteggiamento, lottando e tenendo bene il campo, riuscendo anche a limitarle. Vinto il primo set, abbiamo sfiorato la rimonta nel secondo, perdendo di misura e anche nel terzo siamo tornate in campo con il ritmo giusto prima di quel break pesantissimo di Squarcini che ha davvero cambiato l’inerzia alla partita. Complimenti a loro, noi ora dobbiamo voltare pagina: martedì c’è la sfida di Stoccarda di Champions League che sarà molto importante per il passaggio del turno”.

Eleonora Fersino (libero Igor Gorgonzola Novara): “Siamo partite bene, abbiamo tenuto il campo per i primi due set e poi fino a metà del terzo, prima di subire un break in battuta pesante. Perso contatto, ci è mancato un po’ anche l’entusiasmo e siamo calate anche nel muro-difesa in cui stavamo lavorando bene. Domani torniamo in palestra, dobbiamo preparare la partita di martedì a Stoccarda che per noi è molto importante”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley A1 femminile, la Igor Novara si illude per poi cedere a Conegliano nel big match
NovaraToday è in caricamento