Volley

Supercoppa, la Igor ci prova ma non basta: Conegliano vince 3-1

Le azzurre vincono il primo set ma non riescono a contenere il ritorno di Conegliano, che si aggiudica il trofeo per la quinta volta

Non è riuscita alla Igor Gorgonzola Novara l'impresa di conquistare la Supercoppa di Lega Femminile ed interrompere la striscia incredibile di vittorie consecutive (ora ferma a 65) della Imoco Volley Conegliano. Le ragazze allenate di Stefano Lavarini ci hanno provato e sono riuscite a più riprese a mettere in difficoltà una squadra che partiva con il chiaro favore del pronostico, ma quest'ultima ha mostrato maggiore lucidità e forza nei momenti topici e si è dunque portata a casa il trofeo per la quinta volta, la quarta consecutiva. Tre a uno il risultato finale per le pantere (23-25, 29-27, 25-15, 26-24 i parziali) che dunque ricominciano da dove avevano terminato, vale a dire con un nuovo titolo in bacheca. 

LA CHIAVE - A spostare gli equilibri è stato il muro, fondamentale con il quale Conegliano si è imposto per 11-3. Le piemontesi dal canto loro sono state più efficaci al servizio, mettendo a segno 7 aces a 3. A fare la voce grossa e a confermare il suo magic moment non poteva essere che Paola Egonu, a referto in ben 26 occasioni. Novara ha tentato di opporre con Karakurt e Daalderop (17 punti a testa), ma purtroppo non c'è stato nulla da fare.

LA GARA - Parte bene la Igor soprattutto al servizio e ciò fa sì che la ricezione avversaria soffra particolarmente. Cinque aces a uno è lo score, con Karakurt sugli scudi. Conegliano cerca di rimanere a contatto, ma alle iniziative di Plummer (6 punti) ed Egonu, hanno risposto una Bosetti al 100% in ricezione e un attacco piemontese trascinato da Daalderop (5 punti) e Karakurt (6). Novara riesce a limitare il gioco veloce delle pantere e riesce ad imporsi 25-23.

Conegliano inizia a registrare la sua difesa ad inizio secondo set e l'inerzia della gara inizia a modificarsi. Egonu mette a segno 9 punti e porta la sua squadra sul 16-14. Le azzurre però non vogliono lasciare nulla di intentato e riesce con Daalderop, protagonista a muro, a compiere il sorpasso (20-22). Le gialloblù sono ad un bivio e Santarelli è costretto a chiamare il time out: gli effetti sono benefici perchè Egonu ribalta la situazione (25-24). Hancock, con un colpo ritenuto buono dal videocheck, manda il parziale ai vantaggi. Succede di tutto, ma è De Kruijf a trovare lo spiraglio giusto e a realizzare il 29-27.

Terzo gioco a senso unico o quasi. Plummer e De Kruif, rispettivamente 6 e 4 punti, mettono subito le cose in chiaro e segnano un cospicuo vantaggio (16-9) che verrà ben gestito. Lavarini prova a raccapezzarsi con i cambi, che però non serviranno: Conegliano vince 25-15 ed opera il sorpasso. 

Novara non vuole saperne di cedere e mette sul taraflex modenese tutte le sua energie per rimettere in equilibrio il confronto (1-5 il break iniziale), subito annullato da Courtney ed Egonu (5-5). Hancock mette a ferro e a fuoco la ricezione veneta confezionando un altro strappo che potrebbe rivelarsi fondamentale (8-12). Egonu ci mette il muro ed è 13 pari. Il finale è infuocato: Santarelli inserisce Caravello per rinforzare la ricezione e Folie piazza il colpo del 24-22. Karakurt non molla e annulla le due palle set (24-24). Conegliano non perde la testa e con Egonu e Courtney realizza i due punti che assegnano gioco, partita e trofeo. Davvero un grande peccato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Supercoppa, la Igor ci prova ma non basta: Conegliano vince 3-1

NovaraToday è in caricamento