menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Verbania, sferra un calcio all'inguine di un carabiniere: arrestato

A finire in manette un ragazzo di 21 anni, che ha aggredito il militare intervenuto, insieme ai colleghi, per sedare una lite tra lui e un altro giovane

Sferra un clacio all'inguine di un carabiniere, intervenuto con alcuni colleghi per sedare una lite, e finisce in manette per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

E' successo nella serata di lunedì 19 aprile a Verbania, nei pressi del distributore di benzina in corso Cairoli; a finire in manette, un giovane di 21 anni già noto alle forze dell'ordine, B.A., di nazionalità ucraina e residente in città.

I carabinieri, della Stazione di Omegna e della sezione Radiomobile di Verbania, sono intervenuti sul posto intorno alle 21, quando alla Centrale operativa del Comando provinciale è giunta una chiamata che segnalava una violenta lite in corso tra due ragazzi presso il distributore di benzina.

I militari dell'Arma hanno subito invitato alla calma i due giovani, chiedendo loro i documenti di riconoscimento: mentre uno dei due ha seguito l'invito dei carabinieri, l'altro, il 21enne, senza alcuna motivazione e senza esitare si è scagliato contro un carabiniere sferrangodli un forte calcio all'inguine.

Per il giorvane, che stato immobilizzato dagli altri militari, sono così scattate le manette. Durante il tragitto per la Caserma, poi, il 21enne, in preda ad uno stato di profonda agitazione, ha colpito più volte con la testa il pannello in plexiglas dell’auto di servizio, che separa le sedute posteriori da quelle anteriori, e i militari lo hanno quindi portato al pronto soccorso dell'ospedale di Verbania.

Anche al pronto soccorso il giovane non ha avurto un atteggiamento collaborativo, rifiutando le cure e prendendo a calci qualunque cosa gli capitasse a tiro. I medici, con l’aiuto dei carabinieri, sono stati costretti ad immobilizzarlo su una barella per somministrargli un tranquillante e procedere alle cure del caso. Anche il militare colpito è stato soccorso e successivamente dimesso con una prognosi di 5 giorni.

Al termine delle cure, il 21enne è stato dichiarato in arresto con l’accusa di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e tradotto presso il Comando provinciale carabinieri di Verbania, dove è stato trattenuto in camera di sicurezza. Nella mattinata di ieri, martedì 20 aprile, si è tenuta l’udienza di convalida davanti al Gip del Tribunale di Verbania, che dopo aver convalidato l’arresto ha applicato nei confronti dell’arrestato l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria due volte a settimana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini, in Piemonte da oggi sarà possibile accedere al proprio "percorso vaccinale"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento