menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Violano la zona rossa in Val Vigezzo: multa di mille euro per due fratelli

E' successo nella notte tra sabato e domenica. Sono stati fermati dai carabinieri: uno dei due fratelli, quello alla guida, è anche risultato ubriaco ed è stato denunciato

Mille euro di multa per aver violato la zona rossa e una denuncia per guida in stato di ebbrezza. E' successo a due fratelli nella notte tra sabato 27 e domenica 28 febbraio in Val Vigezzo, che proprio dal pomeriggio di sabato è entrata in area rossa.

I due sono stati fermati dai carabinieri a Santa Maria Maggiore: i militari dell'Arma hanno notato un'auto condotta in modo decisamente "improbabile" e hanno deciso di fermarla per approfondire i controlli. Alla guida c'era un 39enne di Masera, con lui, sul sedile del passeggero, il fratello di 34 anni residente a Malesco. Ai carabinieri il 39enne ha subito dichiarato che stava riaccompagnando il fratello a casa, che era andato a cena da lui.

L’atteggiamento e l’alito fortemente vinoso hanno convinto i militari a sottoporre l'uomo all’alcol test, che ha accertato che il 39enne era alla guida con un tasso alcolemico pari a 2,30 Gr/l, ben 4 volte oltre il limite consentito. Il veicolo sucui viaggiavano i due fratelli è stato pertanto sottoposto a sequestro, mentre il 39enne alla guida è stato denunciato e gli è stata ritirata la patente.

Ma non è tutto, i carabinieri hanno anche sanzionato i due fratelli per aver violato le misure e i divieti previste dalla zona rossa: per loro una multa di mille euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, a Novara apre un nuovo centro vaccinale

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Coronavirus: in Piemonte superato il milione di vaccinazioni

  • Cronaca

    Coronavirus, morto medico di famiglia di Novara

  • Cronaca

    Incendio a Lesa, in fiamme catasta di legna vicino alla ferrovia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento