menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Spara a un camoscio in Val Grande, denunciato cacciatore

L'uomo è stato fermato, insieme ad un altro cacciatore, all'interno del territorio del parco nazionale

Spara e uccide un camosco in Val Grande. Fermato, dopo un inseguimento a quota 1900 metri, dai carabinieri forestali, è stato denunciato.

E' successo ieri, domenica 27 settembre, all'interno del parco nazionale. I militari della stazione parco di Premosello Chiovenda, durante un controllo antibracconaggio in alta montagna, hanno fermato due cacciatori per l'uccisione illegale di un camoscio. I due sono stati bloccati dopo un breve inseguimento ad alta quota. Secondo i rilievi effettuati dai militari, l'animale è stato abbattuto con carabina dotata di ottica, ed è poi precipato per un centinaio di metri.

Per il cacciatore che ha sparato il colpo che ha ucciso l'animale è quindi scattata la denuncia, mentre la carcassa del camoscio è stata sequestrata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, il Piemonte resta in zona arancione

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Borgomanero, uomo accoltellato: è grave

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Economia

    Dopo Borgomanero, McDonald's arriva anche a Oleggio

  • Attualità

    Coronavirus, come procedono i vaccini in Piemonte?

Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento