Verbano Cusio OssolaToday

Per la prima volta a Verbania gli Europei di canottaggio a sedile fisso

L'appuntamento, a cura di Canottieri Verbanese e Canottieri Pallanza in collaborazione con la Federazione ttaliana canottaggio sedile fisso, si svolge per il decimo anno in Italia

Foto di repertorio

Per la prima volta, sabato 10 ottobre, Verbania, nel tratto del lungolago di Pallanza, ospiterà gli Europei di canottaggio a sedile fisso. L’appuntamento, a cura di Canottieri Verbanese e Canottieri Pallanza in collaborazione con la Federazione italiana canottaggio sedile fisso, si svolge per il decimo anno in Italia dopo le precedenti esperienze di Bogliasco-Genova (2007 e 2008), Savona (2013), Savona-Reno di Leggiuno (2014-2015), Reno di Leggiuno (2016), Eupilio (2017) e Corgeno di Vergiate (2018-2019).

La rassegna continentale è dedicata alle specialità della Jole a 4 di punta e del Gozzo Nazionale. Partecipano, nonostante le problematiche causate dal Covid-19 e dal relativo lockdown, con interruzione dell’attività sportiva in numerosi paesi europei, equipaggi in arrivo dalla Gran Bretagna (Cornovaglia) e, per la prima volta, dall’Olanda. La Federazione italiana canottaggio sedile fisso schiera 3 equipaggi federali maschili e altrettanti femminili in una competizione che prevederà gli allenamenti nella giornata di oggi, venerdì 9 ottobre, (in serata welcome dinner) e le gare nel pomeriggio di sabato 10. Per tutti quanti, doppia gara sia nella specialità dei Gozzi sia nella specialità della Jole a 4 di punta sulla distanza di mille metri.

I canottieri della rappresentativa nazionale Ficsf, convocati dal tecnico federale Roberto Moscatelli dopo le altre due esperienze internazionali stagionali in Galles e Cornovaglia, provengono da Liguria, Lombardia, Toscana, Abruzzo e Puglia. Tre equipaggi femminili: Ficsf 1 (Camilla Musetti-Pallanza, Veronica Germano-Urania, Barbara Barocci-Porto Ceresio, Sonia Porcelli-Germignaga, tim. Giulia Codemi-Taras), Ficsf 2 (Viviana Graci-Urania, Greta Banfi-Germignaga, Matilde Brunati-Cerro, Giusy De Sanctis-Termoli, tim. Cesare Papini-Pallanza), Ficsf 3 (Ilaria Bavazzano-Urania, Daniela Illini-Porto Ceresio, Angelica Brescia-Palio di Taranto, Carlotta Foroni-Germignaga, tim. Elisa D’Agostino-Aldo Meda Cima). Tre equipaggi maschili: Ficsf 1 (Edoardo Sottocornola-Verbanese, Lorenzo Barocci-Porto Ceresio, Dario Nicolini-Urania, Dario Botta-Aldo Meda Cima, tim. Maria Vittoria Gatto-Lni Taranto), Ficsf 2 (Emanuele Ardizzoia-Verbanese, Roberto Pusinelli-Porto Ceresio, Francesco Lozza-Urania, Stefano Volontè-Aldo Meda Cima, tim. Emanuele Colombo-Sport Club Renese), Ficsf 3 (Maverick Di Giovanni-Verbanese, Fabio De Vito-Porto Ceresio, Ernesto Buoncuore-Lni Molfetta, Alessandro Petralia-Lni Chiavari e Lavagna, tim. Alessio Ferrante-Dario Schenone Foce).

Gli equipaggi saranno chiamati ad affrontare una doppia gara sia a bordo della Jole sia del Gozzo  sempre sui 1000 metri. Il programma degli Europei prevede sabato la prova di Jole femminile alle 14, Gozzo maschile alle 14:30, Gozzo Femminile alle 15:30 e Jole maschile alle 16. A seguire la cerimonia di premiazione.

E domenica 11 ottobre Verbania raddoppia con lo svolgimento della Coppa Italia per le rappresentative provinciali.

"Continua la tradizione della nostra città nell’ospitare importanti eventi in ambito sportivo, grazie anche alla naturale predisposizione della nostra città adagiata sul lago Maggiore - afferma la sindaco Silvia Marchionini - Sarà un piacere veder gareggiare giovani vogatori italiani ed europei in una disciplina che promuove forti valori umani, che migliora la personalità di chi la pratica, a partire dal rispetto dell’ambiente naturale nel quale si gareggia, che esprime forti valori come quello dell’inclusione e della socializzazione e che richiede un forte spirito di sacrifico e abnegazione. Sarà anche un momento importante di visibilità per il nostro territorio già fortemente turistico, e sicuramente Verbania sarà ricordata da chi vi gareggerà e ci visiterà per la prima volta, per la spettacolarità del campo di gara e per  bellezze paesaggistiche che circondano il nostro splendido Lago Maggiore, a partire dalle montagne del Parco Nazionale della Val Grande alle spalle, le isole Borromee, il giardino botanico di Villa Taranto, villa San Remigio ed altre bellezze che non mancheranno di incantare i nostro ospiti. Un grande grazie alla Federazione italiana di canottaggio sedile fisso e alle società sportive del territorio per aver scelto Verbania come sede di questo importante evento sportivo".

"Il mio più grande ringraziamento va al Comitato e alle società del territorio, al Comune di Verbania per aver fortemente creduto in un evento che rafforza la nostra tradizione remiera attraverso il contatto con altre realtà europee - afferma Marco Mugnani, presidente della Federazione italiana canottaggio sedile fisso - La nostra attività di promozione è stata, come sempre, capillare: mi fa piacere sottolineare la novità della partecipazione olandese".

"Abbiamo con piacere raccolto questa sfida - commenta Dario Sottocornola, presidente della Canottieri Verbanese - nonostante un anno così difficile perché lo sport sa indicare sempre la strada giusta nei momenti di difficoltà: dedicheremo massima attenzione agli aspetti della sicurezza".

"Gli Europei sono un momento importante per la valorizzazione dell’attività societaria - aggiunge Mauro Petoletti, presidente della Canottieri Pallanza e consigliere federale della Ficsf - ma anche per evidenziare alla nostra città la bellezza del nostro sport".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Cirio: "Piemonte in zona arancione", ma gli ospedali sono al limite e non si fanno tamponi agli asintomatici

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Coronavirus, cinque decessi tra Novara e Borgomanero: i ricoverati in provincia sono 354

Torna su
NovaraToday è in caricamento