Martedì, 28 Settembre 2021
Verbano Cusio Ossola

Furti con la tecnica dell'abbraccio nel Vco: arrestata coppia del milanese

Operazione della Questura di Verbania. Le indagini avevano preso il via dopo una serie di furti avvenuti nei mesi di giugno e luglio in diverse località del Vco

Derubavano anziani e persone sole con la "tecnica dell'abbraccio": rintracciati dalla polizia di Verbania, sono finiti in manette.

E' successo nella giornata di lunedì 16 agosto, quando la Squadra mobile ha arrestato, nel milanese, una coppia di Paderno Dugnano. Gli arresti sono il risultato di un'indagine avviata dalla Squadra mobile di Verbania, dopo una serie di furti di rolex e gioielli avvenuti tra giugno e luglio nel Vco e commessi con la cosiddetta "tecnica dell'abbraccio". A finire in manette sono stati un uomo e una donna di etnia rom sulla trentina.

Secondo quanto ricostruito dalla Questura verbanese, in seguito ai furti commessi nel Vco tra giugno e luglio di quest'anno, sono stati identificati diversi soggetti, tutti di etnia rom e provenienti dal milanese, specializzati nella "tecnica dell'abbraccio": "In tutti i casi analizzati - spiegano dalla Questura - pur se con soggetti sempre diversi, veniva riscontrato il medesimo modus operandi: di solito un uomo e una donna, a bordo di autovetture intestate a prestanome, giungevano in questa provincia, individuavano una persona, che per età risultava essere vulnerabile, e pianificavano il loro attacco. L’uomo rimaneva in auto a copertura e la donna avvicinava la vittima e con la tecnica dell’abbraccio faceva razzia di orologi di pregio e di preziosi".

Partendo da questi episodi, quindi, gli agenti della Squadra Mobile, coordinati dalla Procura della Repubblica di Verbania, hanno avviato una mirata attività di analisi e monitoraggio del fenomeno per individuare il covo del gruppo e le auto utilizzate per gli spostamenti e prevenire ulteriori incursioni nel territorio del Vco. Attraverso mirati servizi di osservazione, la sezione Antirapina, con le Squadre mobili e gli altri uffici e reparti competenti per territorio, ha avuto modo di monitorare gli spostamenti di una coppia che, quotidianamente, partiva dal loro domicilio e raggiungeva i centri abitati di varie province del nord italia, dove i due effettuavano ripetuti passaggi a velocità ridotta nelle vie, privilegiando zone dove erano presenti cimiteri, chiese o luoghi dove sarebbe stato possibile rintracciare persone sole ed anziane da potere avvicinare e derubare.

La mattina del 16 agosto, la coppia finita in manette, partita da Paderno Dugnano, ha raggiunto il comune di
Capriolo (in provincia di Brescia), dove ha individuato la propria preda: la donna ha infatti avvicinato un uomo del '46 e, mentre il complice restava in auto, lo ha abbracciato ripetutamente sottraendogli una catenina in oro, per poi allontanarsi e risalire in auto. Gli agenti della Mobile hanno quindi inseguito la coppia, bloccandola a Paderno Dugnano. I due sono quindi stati controllati e perquisiti: a bordo dell'auto gli agenti hanno trovato la catenina appena rubata e nel loro appartamento una consistente somma di denaro, varia attrezzatura di precisione per smontare orologi e pesare oro e gioielli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti con la tecnica dell'abbraccio nel Vco: arrestata coppia del milanese

NovaraToday è in caricamento