Verbano Cusio Ossola

Lago Maggiore, prosegue la rinascita dei Castelli di Cannero

L'obiettivo è aprire entro il 2022 un inedito luogo culturale innovativo e multimediale

Foto di repertorio

A un anno dalla presentazione ufficiale del progetto di recupero dei Castelli di Cannero, procedono a buon ritmo i lavori di restauro della fortezza sul Lago Maggiore. Un’opera complessa avviata cinquecento anni dopo l’insediamento da parte di Ludovico Borromeo nella rocca maggiore da allora battezzata Vitaliana.

Ad oggi l’intervento si è concentrato nell’ala nord del castello, nella Corte Vitaliana e nella Corte Malpaga permettendo il consolidamento e il reintegro delle superfici murarie dell’area. Per questo tipo di restauro sono state utilizzate malte con cromie e granulometria studiate per ricreare un effetto il più possibile fedele a quello originario.

Il progetto che riporterà in vita come museo interattivo i Castelli di Cannero è nato da un’accurata indagine archeologica e da una ricerca d’archivio avviate nel 2016. Nonostante i disagi del lockdown, i tempi previsti per la realizzazione dei lavori rimangono invariati. L’obiettivo è aprire entro il 2022 un inedito luogo culturale innovativo e multimediale per generare nuovo interesse verso la destinazione del Lago Maggiore che comprende anche le Isole Borromee.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lago Maggiore, prosegue la rinascita dei Castelli di Cannero

NovaraToday è in caricamento