rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Verbano Cusio Ossola

Domodossola, punto Nascite ancora chiuso ma Verbania è lontana e partorisce al Dea San Biagio

La donna avrebbe dovuto partorire a Verbania

Avrebbe dovuto partorire al Castelli di Verbania, ma il tempo era troppo contato. Nella mattinata di ieri, sabato 10 luglio, una mamma della Val Vigezzo ha partorito al Dea del San Biagio di Domodossola, dove è ancora chiuso il punto Nascite a causa dell’emergenza sanitaria.

L’accaduto ha fatto di nuovo riemergere il problema relativo alla necessità di riaprire il punto nascite, “attualmente attivo solo per parti in urgenza, con la presenza di un ginecologo e di un’ostetrica e con reperibilità notturna. Il pediatra garantisce reperibilità sulle 24 ore” come si legge in un comunicato di Asl Vco pubblicato nella serata di ieri. Anche il primo cittadino ha ribadito la necessità di riavere il punto.

“Appena si verificheranno le condizioni per garantire la presenza delle Ostetriche e del personale infermieristico, sarà ripristinata l’organizzazione esistente nel periodo precedente all’emergenza Covid” si legge nel comunicato dell'azienda.

"In relazione al parto avvenuto con successo questa mattina al Dea del San Biagio in conformità al percorso di emergenza in vigore, nel confermare il buono stato di salute della neonata e della mamma, l’Azienda Sanitaria promuoverà nei prossimi giorni una verifica relativamente al precedente accesso al Dea dell’Ospedale Castelli", la donna infatti aveva fatto una visita nei giorni appena precedenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Domodossola, punto Nascite ancora chiuso ma Verbania è lontana e partorisce al Dea San Biagio

NovaraToday è in caricamento