Verbano Cusio OssolaToday

In casa una serra con 70 piante di marijuana: 54enne arrestato per la seconda volta in 2 mesi

E' successo a Bannio Anzino, in Valle Anzasca. L'uomo era già finito in manette a metà settembre per lo stesso reato: detenzione e coltivazione illecita di sostanze stupefacenti

Le piante di marijuana sequestrate dai carabinieri

Dopo due mesi finisce di nuovo in manette per detenzione e coltivazione illecita di sostanze stupefacenti. E' successo nel pomeriggio di ieri, domenica 8 novembre, a Bannio Anzino, in Valle Anzasca. Protagonista della vicenda, un 54enne che a metà settembre era già stato arrestato dai carabinieri per lo stesso identico reato, quello di aver realizzato una serra artigianale di marijuana.

E se prima la serra si trovava in una struttura adiacente all'abitazione del 54enne, in località Parcineto, questa volta le piante di marijuana si trovavano direttamente in casa, dove aveva dedicato un’intera stanza all’allestimento di un vero e proprio  laboratorio, dotato di adeguati impianti di illuminazione e ventilazione, utili alla coltivazione della canapa.  

Così, all'arrivo dei militari, l'uomo è stato sorpreso proprio mentre era intento ad eseguire le operazioni di cura ed irrigazione delle piante. All'interno della serra artigianale, i carabinieri hanno trovato e sequestrato circa 70 vasi contententi piante di marijuana, oltre a tutti gli strumenti utili alla coltivazione e alla preparazione e al confezionamento delle dosi. Per lui sono quindi scattate nuovamente le manette: dopo le formalità di rito in Caserma, è stato riaccompagnato a casa, dove resterà in regime di arresti domiciliari in attesa delle successive decisioni dell'autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Coronavirus, cinque decessi tra Novara e Borgomanero: i ricoverati in provincia sono 354

  • Ahmadreza Djalali, si avvicina la pena di morte per il ricercatore novarese detenuto in Iran

Torna su
NovaraToday è in caricamento