Sabato, 20 Luglio 2024
Verbano Cusio Ossola

Otto donne sul K2, al via la spedizione del Cai: con loro anche l'ossolana Cristina Piolini

Le alpiniste hanno raggiunto il Pakistan domenica scorsa e venerdì 21 giugno partiranno alla volta del campo base

La spedizione femmile K2-70 organizzata dal Cai per celebrare il 70esimo anniversario della prima salita italiana sul K2, realizzata il 31 luglio 1954 da parte di Achille Compagnoni e Lino Lacedelli con il fondamentale contributo di Walter Bonatti, è pronta a partire. E tra le otto alpiniste partite domenica per Islamabad e che affronteranno questa storica impresa c'è anche l'ossolana Cristina Piolini.

Piolini e le sue colleghe - le italiane Anna Torretta, Federica Mingolla e Silvia Loreggian e le pakistane Samina Baig, Amina Bano, Nadeema Sahar e Samana Rahim - sono reduci da un'intensa preparazione che le ha viste allenarsi per essere pronte per l'impresa sul K2. Oltre alle alpiniste, prendono parte alla spedizione la dottoressa Lorenza Pratali, in qualità di medico, e Agostino Da Polenza, con il ruolo di coordinatore. Senza dimenticare il cuoco, Zulfiqar, e quattro portatori d'alta quota: Ali Durani, Muhammad Nazir, Ghulam Abbas e Ali Norani. Al campo base sarà inoltre presente Francesca Da Polenza, con il compito di gestire la comunicazione dal campo base.

Il programma della spedizione

Il campo base del K2 a 5mila metri è stato raggiunto i giorni scorsi da alcuni membri del Cknp (Central Karakorum National Park), che collaborano con EvK2Cnr, e dai portatori dell'agenzia pakistana a cui è stata affidata la logistica per allestire il campo in previsione dell'arrivo della spedizione.

Torretta, Mingolla, Loreggian e Piolini, insieme a Pratali e Da Polenza, hanno incontrato l'ambasciatrice italiana in Pakistan Marilina Armellin lunedì 17 giugno a Islamabad, per poi trasferirsi a Skardu, dove hanno ritrovato le compagne pakistane e cominciato le attività di predisposizione dei carichi a cui seguiranno poi una serie di incontri istituzionali prima della partenza per il campo base.

Domani, giovedì 20 giugno, la spedizione si trasferirà ad Askole (3mila metri), ultimo villaggio prima del ghiacciaio del Baltoro, e da lì venerdì 21 giugno inizierà il trekking fino al campo base del K2, che sarà raggiunto intorno al 28 giugno. Nei giorni subito successivi, inizieranno le attività sulla montagna con l'allestimento delle corde fisse e dei campi lungo la via dello Sperone degli Abruzzi: "Un momento importante - spiegano dal Cai - anche per l'acclimatazione, in cui si prevede, idealmente, di passare almeno due notti sopra i 7mila metri e qualche notte a campo 2 (6.650 m). Dal 20 di luglio, in base anche alle condizioni meteo, si proverà aeffettuare il primo tentativo di vetta. Sarà il servizio meteorologico dell'Aeronautica militare a supportare la spedizione con previsioni giornaliere e settimanali".

Per tentare la salita alla vetta il programma prevede, il primo giorno, la partenza dal campo base con obiettivo il raggiungimento del campo 2; il secondo giorno è prevista la salita fino al campo 4 (7.700 metri); il terzo giorno, l'arrivo in vetta e il rientro al campo 4; il quarto giorno è programmata la discesa al campo base. Nel caso in cui il primo tentativo non dovesse portare al risultato sperato, precisano dal Cai, si effettuerà almeno un secondo tentativo, entro i primi giorni di agosto.

Continua a leggere su NovaraToday
Seguici anche su Facebook e sul nostro canale WhatsApp

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Otto donne sul K2, al via la spedizione del Cai: con loro anche l'ossolana Cristina Piolini
NovaraToday è in caricamento